Soldati dell’ Isis

Il metodo di reclutamento rapido dei soldati da parte dello Stato Islamico. Pazzi lucidi con una logica comune

solitari, dei folli , delle persone con problemi mentali…“. Qua risiede l’errore. Davvero è importante se, chi uccide abbia prestato giuramento allo Stato Islamico o meno? L’Isis ha realizzato il più grande sistema di affiliazione nelle schiere del terrore, l’ha fatto tramite la propaganda in rete, attraverso i media, le condivisioni e le opinioni, i dissensi e la paura. Gli incappucciati neri, con le loro incomprensibili scritte bianche, con le loro armi ed il modus agendi da “signori della paura” esercitano il fascino sui repressi, sui folli. In tutto il globo, all’improvviso, il pazzo di turno si autoproclama soldato, trasforma in arma letale un qualsiasi mezzo a disposizione, un coltello, un’ascia, una pistola, un camion… L’unica cosa concreta che rimane, purtroppo, sono le vittime, i morti e quelli che li dovranno piangere in un orrore che durerà tutta la vita.

La propaganda mirata a questi eventi è in grado di incamerare un immensa quantità di soldati, elementi che sfuggono all’antiterrorismo, all’intelligence, appunto perchè non monitorati essendo semplici cittadini, a volte modello, a volte con piccoli precedenti penali.

soldatiLa repressione, l’emarginazione, trasforma il disagiato in un re del terrore, probabilmente le uniche parole in arabo che conosce sono “Allah akbar” (Dio è grande). La rabbia fa il resto, uccidere la gente all’apparenza felice, uccidere quelle persone interpretate come causa del disagio personale è l’ultimo atto dei soldati. Certo, l’ Isis non inventa quando afferma “sono nostri soldati” perchè questi elementi sono il frutto della loro propaganda. Il giuramento di fedeltà se c’è va bene, se non c’è pazienza, i soldati improvvisati si autoproclamano un parto dello Stato Islamico e questo viene ritenuto sufficiente per una rivendicazione. Obiettivo raggiunto, antiterrorismo raggirato, infedeli uccisi tanti, soldati da incamerare ne arriveranno ancora vedendo le gesta dei loro simili fino alla malsana idea di emularle.

Perchè quindi muovere un soldato per il mondo col rischio che venga intercettato quando la manovalanza è già presente in loco ed è in ogni dove?

L’unico lato comune è che gli obiettivi compiti fino ad oggi sono esclusivamente laici, nessun contesto o luogo religioso occidentale è mai stato colpito. Questo lascia pensare che vi sia una lucidità all’interno della follia, i soldati agiscono con precise direttive, sempre e comunque diffuse tramite la propaganda.

Ci troviamo quindi ad essere tutti ed indistintamente i bersagli di un immenso esercito nascosto ma presente ovunque. È anche vero che gli esecutori sono sempre stranieri, comunque immigrati o figli di immigrati. Questo non deve stupire e non dovrebbe essere un pretesto per la discriminazione. Non deve stupire perchè l’onda portante è sempre legata all’Islam ed è logico che faccia preda tra le popolazioni il cui sentimento religioso è più vicino. Non deve nemmeno stupire che, emarginazione e complessi, odio e rancore siano dettati dal razzismo insito nella cultura sociale. Del resto il branco è il branco e lo straniero viene per natura visto come qualcosa di improprio.

Nemmeno deve essere forma di discriminazione razziale perchè un mucchio di immigrati sono onesti lavoratori e persone squisite. Discriminare tutti in blocco sarebbe come discriminare tutti i cittadini italiani come mafiosi (come veniamo spesso etichettati nei film americani per esempio).

Ci vuole vigilanza, certo, ma come può la vigilanza sondare cittadini che sono all’apparenza tranquilli ma talmente repressi al loro interno da diventare soldati in 5 minuti?

Sarebbe bello un mondo privo di religioni, cosa ce ne facciamo delle religioni, abbiamo la scienza come strumento evolutivo.  Uno strumento meraviglioso, diciamolo pure. Anche qui, nonostante le virtù del metodo scientifico, il popolo, una buona parte di esso, continua ad adempiere ai sistemi alternativi, un mix tra complottismo e religioni che diviene cocktail devastante.

In sostanza, dicendolo brutalmente e senza mezzi termini, le varie religioni sono la vera causa di morte.  Da una parte abbiamo una stampante 3D che stampa un cuore e salva la vita di una bambina, dall’altra parte abbiamo messaggi folli e senza senso che detonano soldati pazzi ed i bambini li uccidono. Da una parte abbiamo raggiunto Marte e dall’altra abbiamo le Sentinelle in Piedi .  L’evoluzione in questo caso non sta nel mezzo, anzi da una parte abbiamo il concreto, dall’altra l’astratto che elegge nemici inesistenti e li porta al collasso, vuoi per vie brevi, vuoi per vie temporalmente più lunghe.

     
 
 

DATABASE PRETI PEDOFILI | DATABASE SITI FAKE | CHI SIAMO | ISCRIZIONI

 

Licenza Creative Commons

 

 

Categorie
Comunicati BdS

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma
Nessun Commento

Replica al Commento

Per commentare come utente registrato puoi connetterti tramite:




*

*

Lista Siti fake
Preti Pedofili
Libere Donazioni
Ultimi Commenti

TI POTREBBE INTERESSARE