Contattaci

Ricerca

Stephen Hawking: “All’umanità restano mille anni di vita”

Pubblicato

il

Le parole del celebre cosmologo e fisico teorico Stephen Hawking hanno un’importante risonanza in campo mediatico e non è la prima volta che risuonano come una sorta di avvertimento per la sopravvivenza della nostra specie. In una lecture a proposito delle origini dell’essere umano e dell’universo tenutasi lo scorso lunedì all’Università di Cambridge il fisico ha espresso un’emergente preoccupazione per il destino che ci attende: “Molto probabilmente all’umanità rimangono solo mille anni di vita sulla Terra. Abbiamo reso il nostro pianeta un luogo troppo fragile per poter continuare a viverci, e l’unica cosa che possiamo fare per salvarci da un’estinzione certa è di costruire delle colonie che ci consentano di sopravvivere altrove nel sistema solare”.

Stephen Hawking trae le sue conclusioni guardando a fenomeni come i cambiamenti climatici, la distruzione degli habitat naturali, la sovrappopolazione, pandemie globali causate dalla resistenza agli antibiotici e l’aumento del potenziale bellico di paesi considerati pericolosi. “Presto potremmo anche aver a che fare con alcuni nemici di cui non avremmo neanche sospettato lontanamente l’esistenza. Per questo dobbiamo continuare a esplorare lo spazio, approfondire la conoscenza dell’universo, e poter così garantire un futuro per la nostra specie” prosegue Hawking.

Il cosmologo stima che per avere delle colonie su Marte che siano in grado di consentire a un essere umano di sopravvivere ci vorranno almeno altri 100 anni. “Le prossimi decadi saranno le più critiche e dovremmo stare molto attenti a come ci muoviamo” prosegue. “Dobbiamo tenere presente che l’umanità tende a ripetere gli stessi errori nel corso della storia e lo sviluppo e la diffusione di nuovi arsenali bellici potrebbe portare a conseguenze disastrose”.

Non a caso, lo scorso anno Hawking si è unito a una coalizione di più di 20mila ricercatori ed esperti che vuole mettere al bando le armi intelligenti in grado di prendere decisioni autonomamente e far fuoco senza il bisogno di alcun intervento umano. A questo gruppo si sono già uniti personaggi come il visionario imprenditore sudafricano Elon Musk, il fondatore della Apple Steve Wozniak, e il linguista Noam Chomsky.

Secondo Hawking, infatti, l’intelligenza artificiale (Ia) potrà essere in futuro la cosa migliore, o peggiore, che sia mai successa all’umanità. Starà a noi decidere in quale direzione svilupparla.

Pochi giorni fa il Leverhulme Centre of the Future of Intelligencedell’Università di Cambridge, dove Hawking insegna matematica, ha ricevuto un finanziamento di 12 milioni di dollari per lo sviluppo di progetti di ricerca che sappiano accrescere il potenziale dell’intelligenza artificiale, facendo però particolarmente attenzione ai rischi che si corrono. “Non possiamo predire cosa riusciremo a ottenere quando le nostre menti saranno potenziate dalle capacità di calcolo dell’Ia” racconta Hawking. “Forse con gli strumenti di questa rivoluzione tecnologica potremmo anche essere in grado di risolvere gli enormi danni arrecati al nostro pianeta e porre fine a malattie e povertà”.

Stephen Hawking chiude la sua lecture con una vena ottimistica: “Il 2016 è stato un anno fantastico per essere vivi e assistere ai progressi nel campo della fisica teorica. Ricordate di guardare in alto, alle stelle, e non in basso ai vostri piedi. Cercate di dare un senso a quello che vedete e domandatevi cosa permette all’Universo di esistere. Siate curiosi. Per qualunque difficoltà incontrerete nel vostro percorso ricordatevi che ci sarà sempre un modo per superarla. L’importante è non rassegnarsi mai”.

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Crediti :

Wired

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Continua a leggere
1 Commento

1
Lascia una recensione

Per commentare puoi anche connetterti tramite:




avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Andrea Milanesi Recent comment authors
  Iscriviti  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Ospite

Ma va haaaaaaa….

Ricerca

Buone notizie sul bosone di Higgs: decade come dovrebbe

Identificato il principale decadimento del bosone di Higgs, la nota particella che fornisce la massa alle altre. Higgs decade in due quark bottom. Un risultato che apre le porte a nuovi studi sull’assetto della fisica attuale

Pubblicato

il

Funziona bene, decade regolarmente. Stiamo parlando del bosone di Higgs, la particella che attraverso un complesso meccanismo conferisce la massa a tutte le altre, scoperta al Large Hadron Collider al Cern nel 2012. Dopo la misura della sua massa, importante proprietà che lo caratterizza, oggi arriva una prova che anche il suo comportamento, ovvero il modo in cui decade, producendo altre particelle, è conforme a quanto aspettato. Questo risultato arriva da una ricerca svolta presso l’Lhc e coordinata dalla Princeton University, che ne dà notizia.

Come tante altre particelle instabili per natura, il bosone di Higgs decade – ovvero si trasforma – dando vita a nuove particelle più leggere: in questo caso si tratta di due quark bottom (in generale i quark sono particelle che costituiscono il protone), scoperti nel 1977 al Fermilab a Chicago da un gruppo guidato da Leon Lederman (lo stesso scienziato che battezzerà il bosone di Higgs come la particella di Dio, l’espressione tanto ripresa dai giornalisti e poco amata dai fisici).

I quark bottom rappresentano uno dei sei diversi tipi di quark, le particelle elementari che rappresentano (insieme ad altre, in tutto ora sono 17) i mattoni del Modello standard, la teoria fisica che descrive tutte le particelle e le interazioni fisiche – ad eccezione di una, quella gravitazionale.

Ciò che accade esattamente all’Lhc, il il potentissimo acceleratore di particelle al Cern di Ginevra, è uno scontro fra protoni accelerati, che dà luogo in certi casi al bosone di Higgs, le cui tracce vengono rilevate dagli strati concentrici dei rivelatori di Lhc: questi strati somigliano a cipolle e le particelle sono come inchiostri di colore diverso, che si diffondono lasciando le loro tracce.

Il bosone ha una vita molto breve, pari a frazioni infinitesimali di un nanosecondo (un milionesimo di millesimo di secondo). Dopo questo tempo infinitesimo, è decaduto in due quark bottom. Qui di seguito la ricostruzione del decadimento del bosone di Higgs.

bosone Higgs

(foto: Image courtesy of the CMS Collaboration. In blu i jet dei quark bottom, prodotti del bosone di Higgs, e in rosso i getti di un’altra particella, il bosone Z, generata insieme all’Higgs)

 

Tuttavia, individuare questo decadimento, anche se meno raro di altri, non è facile. La difficoltà sta nel fatto che non solo il bosone di Higgs, ma anche numerose altre particelle, producono i quark bottom. Per districarsi in questo mare di quark, i ricercatori hanno utilizzato i grandi rivelatori Compact Muon Solenoid (Cms) e A Toroidal Lhc ApparatuS (Atlas), due dei principali esperimenti dell’Lhc, che hanno operato indipendentemente l’uno dall’altro, raggiungendo lo stesso risultato. Inoltre i quark non vengono rilevati come particelle libere, cioè da soli, dato che sono legati ad altri o decadono rapidamente e la loro presenza viene individuata indirettamente tramite la ricostruzione dei valori delle masse delle altre particelle.

Una volta prodotti, i quark bottom generano altre particelle, per cui gli scienziati hanno avuto bisogno di molti dati per ricostruire la loro provenienza. “Si tratta di un caos perché bisogna raccogliere tutti i getti delle particelle [raggruppate fra loro, una particella dà luogo ad un getto ndr], misurare le loro proprietà per calcolare la massa dell’oggetto che decade in questi getti”, spiega Olsen. Ma gli autori ci sono riusciti, grazie appunto alla particolare struttura a cipolla dei rivelatori, che consente di studiare tutti i passaggi delle particelle, seguendole dalla nascita al decadimento. In questo modo, sono stati in grado di rilevare sia la collisione protone-protone che ha dato luogo al bosone di Higgs, sia il decadimento di quest’ultimo in due quark bottom.

Questo decadimento è uno dei più frequenti, dato che secondo le previsioni teoriche avviene nel 60% dei casi, spiegano gli scienziati. “Abbiamo trovato esattamente ciò che ci attendevamo”, commenta James Olsen, che ha guidato lo studio. “E ora possiamo utilizzare questa nuova strada per studiare le proprietà dell’Higgs”“Il decadimento Higgs in quark bottom è importante perché è il più frequente”, aggiunge Christopher Palmer, ricercatore a Princeton, “dato che una misura precisa del tasso di decadimento ci fornisce informazioni sulla natura della particella”.

Studiare il tasso di questo decadimento (cioè quanto spesso avviene) è importante per i fisici perché in base al risultato possono osservare se la percentuale rispetta la previsione teorica ed è in linea con il Modello standard. Insomma, studiare il bosone di Higgs e il suo comportamento è uno strumento utile che può informazioni preziose anche per capire se le attuali teorie fisiche, che descrivono la materia e dunque il mondo come lo conosciamo, sono valide.

Crediti :

Wired

Continua a leggere

Ricerca

scoperta la prima figlia di due diversi gruppi di ominidi

Sulle pagine di Nature l’annuncio della scoperta di un ominide erede diretto di Neanderthal e Denisoviano: Denny, ragazzina 13enne. E’ la prova che le due stirpi, pur rimanendo distinte, si incontrarono e accoppiarono frequentemente, spiegano i ricercatori

Pubblicato

il

Le grandi scoperte spesso in antropologia passano dalle piccole (relativamente) cose. Stavolta la piccola cosa è un frammento osseo rinvenuto nel 2012 presso i Monti Altaj della Siberia, il cui dna è stato estratto e analizzato, restituendo ai ricercatori la sorpresa di trovarsi di fronte a un individuo figlio di due ominidi diversi. Quel frammento osseo infatti apparteneva a una giovane ragazza, di circa 13 anni, vissuta più di 50mila anni fa, figlia di una Neanderthal e di un uomo di Denisova. La prova diretta che i due si incontrarono, raccontano oggi i ricercatori guidati da Viviane Slon e Svante Pääbo del Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology, Leipzig, sulle pagine di Nature. E un indizio, un altro, sulle strade percorse dai nostri parenti in un lontano passato.

In realtà, ammettono gli stessi autori, che Neanderthal e Denisova potessero essersi incontrati era già noto e lo suggeriva anche il ritrovamento di tracce di dna di Neanderthal nei primi esemplari di Denisova rinvenuti.

Certo che nella loro caccia e nelle loro analisi gli antropologi potessero inciampare proprio in un figlio diretto di questi incontri è stato un vero colpo di fortuna. O quasi.

Il frammento osseo appartenuto alla figlia di una Neanderthal e di un Denisovan (Foto: T. Higham, University of Oxford)

Crediti :

Wired

Continua a leggere

Ricerca

Vita extraterrestre: più acqua del previsto sui mondi distanti

I pianeti oltre il Sistema solare scoperti dal cacciatore di mondi Kepler contengono più acqua di quanto si pensasse in precedenza: alcuni di loro potrebbero ospitare la vita. Lo studio presentato alla Goldschmidt Conference a Boston

Pubblicato

il

La conferma, il mese scorso, della presenza di acqua liquida e salata su Marte ha dato alla comunità scientifica una nuova spinta per la ricerca di forme di vita oltre il nostro pianeta. Una sfida che per l’astronomia moderna si spinge ben al di fuori del Sistema solare: la caccia agli esopianeti, mondi distanti che potrebbero assomigliare alla Terra, è da anni una delle priorità delle principali agenzie spaziali.

Ora un nuovo studio afferma che il numero di mondi lontani potenzialmente abitabili è più elevato del previsto, e questo proprio grazie all’ingrediente chiave per ospitare la vita: l’acqua. La ricerca, presentata alla Goldschmidt Conference a Boston, afferma che molti dei mondi distanti conosciuti potrebbero contenere fino al 50% del prezioso liquido. Gli scienziati hanno passato in rassegna circa 4.000 esopianeti (confermati o candidati) scoperti dal cacciatore di mondi della Nasa Kepler. Combinando questi dati con le osservazioni della missione Gaia, il team di ricerca ha sviluppato un modelloper risalire alla struttura interna dei mondi potenzialmente abitabili.

“Abbiamo calcolato la relazione tra la massa e il raggio degli esopianeti – spiega Li Zeng dell’Università di Harvard, leader dello studio – scoprendo che i pianeti con un raggio di almeno 2.5 volte quello terrestre e con massa di circa 10 volte la massa della Terra sono probabilmente mondi acquosi.” In questo contesto, non dobbiamo necessariamente pensare all’acqua come siamo abituati a vederla sul nostro pianeta: un mondo può essere acquoso anche se contiene laghi sotterranei, come nel caso di Marte. Se confermato, questo modello aumenterebbe comunque la probabilità di trovare oltre il nostro sistema planetario un ambiente abitabile e, quindi, in grado di ospitare vita extraterrestre.

 
  

Licenza Creative Commons

Help Chat 

 

Crediti :

Globalist

Continua a leggere

Newsletter

Ricerca

NASA TV

SPACE X

Commenti più votati

  • 9 February 2018 by Giovanni Darko

  • 1 March 2018 by Graziella Di Gasparro

2

Tesla nello Spazio, smontiamo le obiezioni dei terrapiattisti

c’è bisogno di dare retta ai dementibiblici?
  • 20 February 2018 by

2

Tesla nello Spazio, smontiamo le obiezioni dei terrapiattisti

Sul serio c’è gente che pensa che la terra sia ...
  • 17 February 2018 by Simona Masini

2

I nanorobot sono in grado di distruggere ogni tipo di tumore

Trovi qualcosa qua : https://www.bambinidisatana.com/arrivo-la-pillola-inverte-linvecchiamento/
  • 14 February 2018 by Bambini di Satana

I più letti

Loading...