Contattaci

Pubblicato

il

2 agosto 1980. Sono passati 38 anni da quell’afoso sabato. Alle 10.25 un’esplosione alla stazione centrale di Bologna provoca 85 morti e 200 feriti: la strage più sanguinaria nella storia italiana. E una ferita che ancora non si rimargina perché ancora manca buona parte della verità. La città di Bologna, i familiari delle vittime non dimenticano e nella commemorazione ufficiale si appellano alla politica. Per l’ennesima volta chiedono giustizia per una vicenda che ha troppe domande ancora da chiarire.

“In questa sala sono passati rappresentanti di governi di tutti i tipi, di ogni colore politico. Tutti quanti ci hanno dato speranze, indicazioni e possibilità”. È iniziato così il discorso di Paolo Bolognesi, presidente dell’associazione dei familiari delle vittime della strage, nell’aula del Consiglio comunale, alla presenza di Alfonso Bonafede – la prima volta di un ministro alla Giustizia alla commemorazione -. Bolognesi ha chiesto come ogni anno la desecretazione degli atti sulle stragi attraverso la piena applicazione della direttiva Renzi “finora non avvenuta”, e della legge del 2004 sui risarcimenti per i parenti. Si tratta di richieste portate avanti dall’associazione ormai da un trentennio. Ha poi sottolineato che “Bonafede è il primo ministro della Giustizia che viene” in Consiglio comunale per la cerimonia. “La sua presenza – ha sottolineato rivolgendosi a Bonafede – è un segno di attenzione che i familiari delle vittime gradiscono e ci attendiamo da lei risposte e soprattutto che se farà delle promesse saranno mantenute”.

E non si tira indietro il ministro Bonafede che con la sua presenza non vuole portare solo “la vicinanza dello Stato ai familiari delle vittime”, “ma anche l’impegno, per la prima volta serio, a lavorare con loro per la realizzazione di tutte le richieste”. A margine della cerimonia di commemorazione del 2 agosto 1980 ammette: “Quello che mi compete di più fra queste richieste, è la digitalizzazionedei vari atti e la desecretazione, affinché anche i momenti più bui della storia di questo Paese possano essere conoscibili dal popolo italiano e dalle nuove generazioni che, non avendo vissuto quelle stragi, non sanno spesso di che cosa si tratta”. “E allora – prosegue – dobbiamo fare in modo che il popolo italiano possa conservare la sua memoria anche sui fatti più drammatici perché soltanto così si può costruire qualcosa di realmente migliore”. Una verità che “è un diritto sacrosanto che non hanno solo i familiari delle vittime della strage di Bologna ma tutto il popolo italiano”,  un “obbligo morale prima ancora che politico”.

Anche il presidente della Camera Roberto Fico parla dello Stato che se “non cerca la verità fino in fondo non si può dire Stato”. Come “un’Italia che non cerca la verità sulle Stragi del nostro Paese non è compiuta. Si può costruire fino in fondo solo quando sono raggiunte le verità sostanziali. Lo Stato che non cerca la verità non mi rappresenta, non lo voglio”. Il messaggio è che lo “Stato c’è, ci deve essere al 100%, non come spesso è accaduto in questi 30 anni”, ha detto il presidente della Camera, prima di salire sul palco, commentando la sua presenza alle commemorazione. Fico, arrivato alle 9 e 25 in stazione, ha sfilato nell’ultimo tratto del corteo che da Palazzo D’Accursio ogni anno arriva al piazzale antistante la stazione dove scoppiò la bomba che uccise le 85 persone. Il pentastellato si è detto disposto “a settembre” a “organizzare con tutte le vittime una riunione operativa con la Camera, per capire come muoverci nel modo migliore”. Presente anche il segretario del Pd Maurizio Martina: “Per me il messaggio fondamentale di oggi è che anche nella legislatura che si è aperta dobbiamo tutti contribuire a questo lavoro e, dalla maggioranzaall’opposizione, bisogna avere tutti una tensione alla verità e penso che ci sono le condizioni per fare tutti dei passi in avanti”.

Parla di strage “fascista”, il sindaco di Bologna Virginio Merola, “perché esiste la verità storica, sono esistite ed esistono forze nazifasciste ed è esistito e esiste l’antifascismo e la sua necessità presente e futura”. Il primo cittadino del Pd è partito quindi unimplicito riferimento a Matteo Salvini, pur senza nominarlo: “A chi sottovaluta e cerca di ridurre a episodi isolati le recrudescenze fasciste, antisemite e razziste nel nostro Paese e in Europa diciamo in modo chiaro e fermo, e come sindaco mi sento un po’ umiliato nel doverlo dire: ditelo ai familiari delle vittime del 2 agosto e ai bolognesi, guardandoli in faccia, senza la scorciatoia dei social network, che non esiste più il problema del fascismo”.

Ora e sempre resistenza” è stato il coro che è partito spontaneo ed è stato ripetuto da una parte delle persone nella piazza della stazione di Bologna, poco prima dei tre fischi del locomotore che danno il via, alle 10.25, al minuto di silenzio in onore delle vittime del 2 agosto 1980. Silenzio rispettato poi da tutta la piazza, gremita, e che è sfociato in un lungo applauso.

Per la strage di Bologna sono stati condannati gli ex Nar  Giuseppe Valerio Fioravanti, Francesca Mambro Luigi Ciavardini.  A marzo 2018 è iniziato un nuovo processo sulla strage di Bologna in cui è imputato Gilberto Cavallini, anche’egli ex Nar accusato di concorso in strage a 38 anni dall’esplosione alla stazione.  Prosegue il percorso dell’inchiesta della Procura generale sui mandanti dopo l’avocazione del fascicolo con l’avvio di una rogatoria in Svizzera. Sotto la lente i movimenti da un conto bancario elvetico, riconducibile al maestro venerabile della Loggia P2 Licio Gelli. Il Venerabile morto nel 2015, già condannato per depistaggio proprio nelle indagini sulla strage di Bologna.





Licenza Creative Commons



 

ITALIA

Salvini ha aperto la crisi del governo Conte. Ora che succede?

Il vicepremier ha detto che “non c’è più una maggioranza”, causando l’ira di Conte. Di Maio ha chiesto di approvare la riduzione dei parlamentari, che ritarderebbe il voto

Pubblicato

il

Questa volta è ufficiale, o quasi: l’autoproclamato governo del cambiamentoè in crisi. Alle 20 di ieri, 8 agosto, il leader della Lega Matteo Salvini ha diffuso una nota dicendo che non c’è più una maggioranza e bisogna restituire “velocemente la parola agli elettori”. Circa tre ore più tardi, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha confermato la volontà di Salvini nel corso di una conferenza stampa in cui ha spiegato – con una certa appena celata durezza nelle sue parole – che il suo vicepremier vuole “capitalizzare” l’alto consenso politico “di cui gode attualmente”. Conte ha poi attaccato Salvini dicendo che quello attuale non è un “esecutivo dei no”, così come lo aveva descritto il ministro, bensì avrebbe sempre “lavorato molto e parlato poco”, anche perché “non era in spiaggia”.

Luigi Di Maio, facendo appello al “senso di responsabilità” (votare a ottobre costringerebbe allo scatto dell’aumento Iva, a suo dire) ha chiesto a Salvini di rimandare la caduta a dopo l’approvazione del disegno di legge costituzionale che ridurrebbe il numero dei parlamentari. L’ultimo passaggio in parlamento è previsto per il 9 settembre.

Cosa succede ora, da prassi

Lega e Movimento 5 stelle si sono scontrati più volte da quando il governo è entrato in carica il 1° giugno 2018. Il rapporto però appare essersi incrinato definitivamente il 7 agosto, quando il parlamento ha bocciato, anche coi voti della Lega, la mozione anti-Tav presentata dal Movimento 5 stelle.

Ufficialmente il governo non è ancora caduto. Affinché ciò accada, Conte dovrebbe dimettersi, rimettendo nelle mani del Capo dello stato il suo mandato – come a quanto è trapelato gli avrebbe chiesto di fare Salvini – o parlamentizzare la crisi, come invece ha duramente contro-proposto lo stesso Conte. Dato che di fatto sembra aver vinto questa seconda possibilità, il presidente del consiglio dovrebbe andrà in parlamento (presumibilmente i prossimi 20 e 21 agosto, secondo quanto si sta dicendo) per controllare di avere ancora la fiducia del parlamento – o, in caso contrario, sottoporsi a un voto di sfiducia. In caso di approvazione parlamentare della sfiducia, il governo sarà dimissionario.

I tempi, comunque, per il momento rimangono aleatori. Il presidente del Consiglio Conte nella sua conferenza stampa di ieri ha specificato che non spetta al leader della Lega “decidere i tempi di una crisi politica nella quale intervengono ben altri attori istituzionali”. A giocare un ruolo fondamentale in questa fase sarà il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il Capo dello stato dovrà infatti decidere quando convocare le Camere per il passaggio parlamentare, e soprattutto in che direzione muoversi dopo.

Ci sono varie opzioni sul tavolo: Mattarella potrebbe aprire la fase delle consultazioni per verificare se c’è una nuova maggioranza (che al momento appare difficile), affidare il governo a un esecutivo tecnico oppure indire nuove elezioni. In quest’ultimo caso, il governo potrebbe restare in carica solo per i cosiddetti affari correnti – ovvero per ottemperare agli obblighi economici e finanziari del paese, tra cui approvare la manovra – e gli italiani andrebbero di nuovo a votare in autunno (il 13 o il 27 ottobre, probabilmente).

Se passasse la linea Di Maio – ovvero se il governo resistesse in carica almeno fino al 9 settembre, approvando in ultima lettura il disegno di legge costituzionale per il taglio dei parlamentari – non si potrebbe andare alle urne prima della prossima primavera. Se un disegno costituzionale viene approvato a maggioranza assoluta, una parte del parlamento – o cinque regioni – possono infatti chiedere entro tre mesi che la riforma venga confermata con un referendum costituzionale, che può essere indetto nei successivi tre mesi. E se i cittadini dovessero dare il loro benestare, ci sarebbe bisogno di una nuova legge elettorale.

Il periodo compreso da oggi a novembre è comunque complicato ,per una serie di scadenze importanti. Il 26 agosto scade il termine per presentare il candidato italiano a commissario dell’Unione europea; il 12 settembre arriva in parlamento la nota di variazione del Documento di economia e finanza; entro il 15 ottobre il governo deve trasmettere a Bruxelles il documento programmatico di bilancio e il 27 ottobre scade il termine per l’approvazione della manovra 2020 (che porta con sé diversi dossier scottanti, a cominciare dalle clausole di salvaguardia che, a meno che un governo non trovi 23 miliardi di euro entro la fine dell’anno, porteranno l’Iva dal 22 al 25,2 per l’aliquota ordinaria e dal 10 al 13 per cento per l’aliquota agevolata).

Il bilancio di 14 mesi di governo

I due alleati di governo escono dal governo Conte in condizioni molto diverse. Matteo Salvini, che aveva iniziato questa esperienza di governo con un 17% dei consensi, li ha più che raddoppiati ed è considerato il probabile prossimo presidente del Consiglio. Durante un comizio a Pescara, in Abruzzo, Salvini si è candidato ufficialmente a questo ruolo e ha annunciato di voler correre da solo. Secondo gli ultimi sondaggi, gode del 36% dei consensi: se il risultato venisse confermato alle urne e la legge elettorale non cambiasse, gli basterebbe allearsi con Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni per avere la maggioranza.

Più incerto è il futuro di Luigi Di Maio. In questi mesi è stato accusato più volte di aver tradito le istanze del Movimento 5 stelle, permettendo alla Lega di riconquistare terreno. In un anno, i consensi del M5s si sono praticamente dimezzati. Il reddito di cittadinanza è diventato realtà ma non si capisce ancora bene quale sarà il destino dei navigator, né se riuscirà a risolvere il problema della disoccupazione. L’Ilva di Taranto, che il Movimento aveva promesso di riconvertire, è ancora un dossier in attesa di soluzione; la Tav si farà e lo stesso vale per il Tap, il gasdotto che dovrebbe portare gas naturale in Italia, che Alessandro Di Battista aveva promesso di bloccare in meno di due settimane.

Anche il Partito democratico si prepara a una nuova sfida. È notizia delle ultime che ore che il leader Nicola Zingaretti ha chiesto al senatore ed ex presidente del Consiglio Matteo Renzi di collaborare e aiutare il partito a vincere. Zingaretti ha anche parlato durante la trasmissione In Onda su La7 di un nuovo fronte democratico. Non ha però spiegato chi ne farebbe parte oltre ai dem.





Licenza Creative Commons



Crediti :

Wired

Continua a leggere

ITALIA

Abusi sessuali, arrestato don Stefano Segalini

Fino a maggio don Stefano Segalini era il parroco di San Giuseppe Operaio, una delle chiese più frequentate della città

Pubblicato

il

Un sacerdote di Piacenza, don Stefano Segalini, è stato arrestato con l’accusa di aver compiuto abusi sessuali ai danni di ragazzi maggiorenni. Fino a maggio era responsabile della parrocchia di San Giuseppe Operaio, una tra le più frequentate della città. Il vescovo Gianni Ambrosio lo aveva destituito in via cautelare dall’incarico dopo alcuni esposti giunti in diocesi. Da qui è poi scattata l’indagine della squadra mobile di Piacenza.

Oltre che per abusi sessuali, il prete è indagato anche per procurato stato di incapacità. Si sospetta che il sacerdote possa aver somministrato droghe o sostanze chimiche alle sue vittime per poi commettere le violenze.

Don Stefano si trova agli arresti domiciliari su ordinanza di custodia cautelare e nei prossimi giorni verrà ascoltato dal giudice nell’interrogatorio di garanzia.





Licenza Creative Commons



Crediti :

Tgcom

Continua a leggere

ITALIA

Carola Rackete, così il gip smonta il Decreto sicurezza: “Non può essere applicato a chi salva naufraghi”

Primo giorno in libertà per Carola che ha lasciato Agrigento. IIl pm nega il nullaosta per l’espulsione. Nelle tredici pagine del provvedimento il giudice spiega che “una nave che soccorre migranti non può essere giudicata offensiva per la sicurezza nazionale e il comandante di quella nave ha l’obbligo di portare in salvo le persone soccorse”.

Pubblicato

il

Un incontro con i suoi legali per decidere le prossime mosse, poi qualche giorno di riposo prima di tornare ad Agrigento – città che ha lasciato ieri sera alle 22 – per il secondo interrogatorio, questa volta con i pm che indagano per il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Un’ipotesi di reato per la quale, dopo il verdetto della giudice delle indagini preliminari di Agrigento Alessandra Vella ( che ieri sera l’ha rimessa in libertà), Carola Rackete affronterà il proseguo dell’indagine con molta più serenità.  Non potrà ancora tornare a casa: la procura ha già negato il nullaosta per l’espulsione per esigenze di giustizia.

Leggi il fascicolo col provvedimento

 

Le 13 pagine del provvedimento del giudice, infatti, oltre a fissare la cosiddetta “scriminante”, che di fatto giustifica la manovra azzardata con la quale la comandante della Sea Watch 3 ha disobbedito all’ultimo alt rischiando di schiacciare contro il molo di lampedusa una motovedetta della Guardia di finanza, fissa alcuni principi di fondamentale importanza anche per tutte le altre navi umanitarie che operano soccorsi e che in questi giorni, dalla Open Arms a Mediterranea a Sea eye sono tornate nel Mediterraneo.

Il decreto sicurezza bis

Innanzi tutto, secondo la gip, “le direttive ministeriali sui porti chiusi e il divieto di ingresso in acque territoriali” previsto dal decreto sicurezza e per il quale le motovedette italiane hanno intimato l’alt alla Sea Watch fin dall’approssimarsi alle acque italiane non può essere applicato. Perché una nave che soccorre migranti non può essere giudicata offensiva per la sicurezza nazionale e il comandante di quella nave ha l’obbligo di portare in salvo le persone soccorse. In ogni caso, sottolinea il giudice, la violazione del divieto viene punito dal decreto solo con la sanzione amministrative e non più penale.

Il dovere di soccorso

E’ il principio fondamentale dell’ordinanza della gip Vella, appunto la scriminante che la giudice ha fatto prevalere nell’analisi della condotta della comandante . “L’attracco al porto di lampedusa – scrive la gip – appare conforme al testo unico per l’immigrazione nella parte in cui fa obbligo al capitano e alle autorità nazionali indistintamente di prestare soccorso e prima assistenza allo straniero rintracciato in occasione dell’attraversamento irregolare della frontiera”.

I porti sicuri

L’ordinanza mette per la prima volta per iscritto che la scelta di un comandante di nave che soccorre migratiin zona sar libica di far prua verso l’Italia è legittima perché ” in Libia e in Tunisia non ci sono porti sicuri” e l’obbligo del comandante non si esaurisce nel prendere a bordo i naufraghi ma prevede lo sbarco in un luogo dove sono loro garantiti i diritti, a cominciare dal diritto d’asilo. Che la Tunisia non prevede.

La nave da guerra

Secondo il gip Vella, le motovedette della Finanza non sono da considerarsi una nave da guerra e dunque l’inosservanza di un loro ordine non è punibile secondo quanto previsto dal codice della navigazione. “Le unità navali della Guardia di finanza – scrive la gip – sono da considerarsi navi da guerra solo quando operano  al di fuori dalle acque territoriali ovvero in porti esteri ove non vi sia un’autorità consolare”.

Nessuna volontà di schiacciamento

La giudice ha accolto in pieno anche la ricostruzione di carola Rackete secondo cui con la sua manovra in porto non aveva alcuna intenzione di colpire la motovedetta della Finanza. “Da quanto emerge dal video deve essere molto ridimensionato nella sua portata offensiva rispetto alla prospettazione accusatoria fondata solo sulle rilevazioni della polizia giudiziaria”.
Nelle prossime ore partirà anche l’iter di espulsione di carola Rackete dal territorio nazionale firmato ieri sera dal prefetto di Agrigento Dario Caputo secondo le direttive impartite dal ministro Salvini. Ma l’esecuzione del provvedimento sembra impossibile visto che dovrà essere convalidato dal giudice. La Procura però ha già negato il nullaosta fino a quando non saranno cessate le esigenze di giustizia, dunque certamente fino al 9 luglio. Nel frattempo il procuratore Luigi Patronaggio e l’aggiunto Salvatore Vella valuteranno se proporre ricorso contro il provvedimento del gip andato ben oltre la loro richiesta di applicare a carola Rackete il divieto di dimora in provincia di Agrigento. Allo studio dei legali della Sea watch anche il possibile ricorso contro il sequestro probatorio della nave che ieri è stata condotta al porto di Licata





Licenza Creative Commons



Crediti :

la Repubblica

Continua a leggere

Chi Siamo

Newsletter

Dicono di noi

ANSA

  • Ultima Ora
  • Italia
  • Mondo
  • Calcio

Live action con 'voci' di star a 25 anni dal classico Disney [...]

Spuntano nuovi audio intercettazioni di madre affidataria [...]

Nuova grande mobilitazione pro-democrazia in Victoria Park [...]

Dopo sbarco in hotspot: medico, non hanno alcuna patologia [...]

"Condizioni accettabili anche se migranti sono provati" [...]

Spuntano nuovi audio intercettazioni di madre affidataria [...]

Lasciata in spazio riservato disabili.E' accaduto nel genovesato [...]

Per regolamento comunale che vieta di vestire abiti provocanti [...]

Presunto aggressore rintracciato e arrestato da carabinieri [...]

Dopo sbarco in hotspot: medico, non hanno alcuna patologia [...]

Nuova grande mobilitazione pro-democrazia in Victoria Park [...]

Cliente gli spara con una pistola in ristorante vicino a Parigi [...]

Presa di mira comunità sciita Hazara [...]

Offre porto Algeciras e attacca Salvini:'Inconcepibile' chiusura [...]

Sunday Times svela documenti governo. 'Scenari realistici' [...]

Progetto Fondazione Polito per approvazione passaporto ematico [...]

A un passo dal Brescia, 'Supermario" saluta torcida rossonera [...]

"Buona prova contro la Primavera in vista della Sampdoria" [...]

Lazzari si fa male alla mano: frattura al terzo metacarpo [...]

Rigore Politano per il 2-0 Inter, club in pressing su Sanchez [...]

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget

I più letti