Terremoti, nessun legame con le fasi lunari

È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivesta Seismological Research Letters: le regolarità osservate da studi precedenti sarebbero solamente frutto del caso. Ma non tutti gli esperti sono d’accordo

Tra sismologi se ne sente parlare spesso: guardando ai database che registrano i grandi terremoti del passato le scosse non sembrano del tutto casuali. Esistono cluster, regolarità che lasciano immaginare un qualche fenomeno che ancora non comprendiamo appieno che influenza e innesca i periodi di maggiore sismicità. E che potrebbe aiutarci un giorno a prevedere almeno le scosse più drammatiche. Per molti esperti, un candidato interessante è la Luna: i suoi effetti gravitazionali – quelli che causano le maree, per intenderci – potrebbero rappresentare quella goccia che fa traboccare il vaso, e induce le faglie a scaricare l’energia accumulata sotto forma di potenti terremoti. Una spiegazione relativamente semplice ed elegante, che per Susan Hough, sismologa dello Us Geological Survey, ha un difetto difficile da ignorare: sarebbe fondamentalmente sbagliata.

Per arrivare a questa conclusione, pubblicata sulle pagine di Seismological Research Letters, la ricercatrice ha fatto ricorso ad un ricco catalogo di eventi sismici che risalgono fino al 1600. Limitando la scelta ai terremoti più potenti ha ottenuto le informazioni relative a 204 scosse di magnitudo 8 o superiore, e ha poi analizzato in che fase si trovasse la luna nella data di ogni sisma. A una prima occhiata, ammette la ricercatrice americana, l’analisi ha prodotto effettivamente alcune regolarità. O meglio: sono emersi cluster di scosse sismiche legati a determinate date o fasi lunari. Per verificare la significatività di questi risultati statistici Hough ha deciso di verificare cosa sarebbe emerso da un set di dati totalmente casuale: ha quindi randomizzato (scelto in modo casuale) le date da analizzare, e le ha messe nuovamente in correlazione alle fasi lunari.

Risultato? L’analisi di date casuali produce regolarità statisticheparagonabili a quelle che si osservano studiando i terremoti reali. Si tratterebbe cioè di regolarità solamente apparenti, totalmente casuali e prive di appiglio nella realtà. “Quando si lavora con dati totalmente casuali ci si trova spesso di fronte a segnali fittizi di tutti i tipi – assicura Hough – è quello che capita giocando a testa o croce: a volte può uscire testa cinque volte di seguito”. Anche in questo caso, assicura l’esperta, si tratterebbe solamente di un segno del potere del caso, e non di fenomeni ignoti che influenzano i risultati.

Per Hough quindi il discorso è chiuso. Ma tra gli esperti non tutti concordano con l’analisi della ricercatrice americana. Intervistato dall’Ansa, il presidente dell’Istituto Nazionale di Geofisica e VulcanologiaCarlo Doglioni esprime forti perplessità sull’impianto dello studio, e quindi sull’affidabilità dei suoi risultati. La ricerca ha utilizzato infatti le fasi lunari per cercare un rapporto tra gli effetti gravitazionali del nostro satellite e l’arrivo dei terremoti. Ma osservare le fasi della Luna, sottolinea il presidente dell’Ingv, è molto diverso dal considerare la distanza tra Terra e Luna. Ed sarebbe invece quest’ultima a fare la differenza.

Più ricerche, assicura Doglioni, hanno dimostrato da tempo che “non sono le fasi lunari a controllare gli effetti più importanti delle oscillazioni della forza di gravità e che queste contribuiscono meno rispetto alle variazioni della distanza fra Terra e Luna”. Tutto da rifare, dunque, per la povera Hough? Può darsi. O come si suole dire: staremo a vedere.

       
     

DATABASE PRETI PEDOFILI | DATABASE SITI FAKE | CHI SIAMO | ISCRIZIONI | DONAZIONI

 

Licenza Creative Commons

 

 

Crediti :

Wired

Categorie
Fisica

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Lascia una recensione

Scrivi un commento

Per commentare puoi anche connetterti tramite:




avatar
  Iscriviti  
Notificami
🔥 i più letti di oggi
Commenti più votati
  • 9 February 2018 by Giovanni Darko

2

Tesla nello Spazio, smontiamo le obiezioni dei terrapiattisti

Sul serio c’è gente che pensa che la terra sia ...
  • 17 February 2018 by Simona Masini

2

I nanorobot sono in grado di distruggere ogni tipo di tumore

Trovi qualcosa qua : https://www.bambinidisatana.com/arrivo-la-pillola-inverte-linvecchiamento/
  • 14 February 2018 by Bambini di Satana

2

Pedofilia: una lettera mette nei guai il Papa

A giornalate in faccia come in Cile
  • 8 February 2018 by Giuseppe Maccaferri

2

Pedofilia: una lettera mette nei guai il Papa

IL PRETE PEDOFILO è UN CRIMINALE , IL PRETE GAY ...
  • 7 February 2018 by Graziella Di Gasparro

TI POTREBBE INTERESSARE