Contattaci

Pubblicato

il

Una forte scossa di terremoto di magnitudo 6.5 ha colpito alle 2,54 ora locale (le 3,54 in Italia) la costa settentrionale dell’Albania, vicino a Durazzo. Secondo i dati dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) italiano e del servizio geologico statunitense Usgs, il sisma ha avuto ipocentro a circa dieci chilometri di profondità ed epicentro tra Shijak e Durazzo. Almeno sette persone hanno perso la vita. Nella capitale, Tirana, la gente è scesa in strada in preda al panico, a Durazzo e Thuname crollati case e palazzi, dispersi, almeno 300 feriti, persone sotto le macerie.

Unità dell’esercito e della protezione civile sono al lavoro tra le macerie di un palazzo a Durazzo e di altri tre a Thumana, dove sono stati tratti in salvo per ora due bambini. A Kurbin un uomo è morto invece dopo essersi gettato dal balcone per tentare di mettersi in salvo.

“E’ stata una scossa forte e lunga, si muoveva tutto. In preda alla paura e al panico siamo corsi in strada”. Questo il racconto di Aida, italiana di origine albanese, da Tirana. “Qui fortunatamente non ci sono stati danni importanti a differenza di Durazzo e dei paesi vicini dove ci sono stati diversi crolli”, aggiunge. “Noi siamo al primo piano – racconta Aida che in questi giorni si trova nella capitale albanese in visita alla sua famiglia – e appena sentita la scossa abbiamo preso i miei nipoti di due e sette mesi e siamo andati in strada. E qui restiamo al momento perché le repliche, seppur più brevi e meno intense, continuano”.

Le prime immagini dall’Albania arrivano su Twitter, alcune case completamente crollate.

 

Il forte sisma è stato sentito anche in Italia, in Puglia, in Basilicata, in Campania e in Abruzzo. “La scossa di terremoto delle ore 3.54 è stata avvertita in provincia di Bari, Brindisi, Foggia, Lecce e Taranto. Dalla sala della protezione civile della Regione Puglia non risultano allo stato segnalazioni di danni in Puglia. Vi aggiorno se emergeranno fatti rilevanti” avverte su Twitter il governatore pugliese Michele Emiliano.

Guarda i terremoti in tempo reale

 





Licenza Creative Commons



Crediti :

la Repubblica

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Per commentare puoi anche connetterti tramite:



Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Geo News

Terremoto : Frequently Asked Questions FAQ

Risposte alle domande più comuni sui terremoti

Pubblicato

il

Terremoti, risposte alle domande più comuni

 

Quale è la definizione di terremoto?

Quale è la definizione di terremoto?

Un terremoto (dal latino terrae motu ossia movimento della terra) è un rapido movimento della superficie terrestre dovuto al brusco rilascio dell’energia accumulatasi all’interno della Terra in un punto ideale chiamato ipocentro o fuoco. Il punto sulla superficie della Terra, posto sulla verticale dell’ipocentro è detto epicentro.

Crediti :

INGV

Dove e perchè si verificano i terremoti?

Dove e perchè si verificano i terremoti?

I terremoti  si concentrano in genere in zone delimitate.
Con la teoria della tettonica a placche formulata per la prima volta da Wegener nel 1915, è stata data una spiegazione della distribuzione degli eventi sismici e dei vulcani, e di alcuni fenomeni morfologici come la formazione delle grandi catene montuose.
Questa teoria afferma che i terremoti tendono in genere a concentrarsi lungo i margini tra le diverse placche (o zolle) componenti lo strato più superficiale del nostro pianeta (la litosfera). I terremoti possono verificarsi  in prossimità di vulcani attivi e di catene montuose di recente formazione.
Anche la sismicità della penisola italiana presenta una sua caratteristica distribuzione interpretabile con la teoria della tettonica a placche. La penisola italiana, come tutto il bacino del Mediterraneo, è interessata da un’intensa attività sismica che si verifica in aree che sono state identificate secondo tale teoria come sede di equilibri dinamici tra la zolla Africana e quella Eurasiatica. In particolare si ha una notevole attività sismica lungo la catena appenninica e l’arco calabro, ossia in corrispondenza delle strutture che sono state identificate come zone di interazione tra la zolla Africana e quella Eurasiatica. Lo studio della sismicità storica ha inoltre contribuito a individuare le regioni della nostra penisola soggette ai terremoti più distruttivi. Tutto il territorio nazionale è interessato da effetti almeno del VI grado della scala Mercalli tranne alcune zone delle Alpi Centrali e della Pianura Padana, parte della costa toscana, il Salento e la Sardegna. Le aree maggiormente colpite in cui gli eventi hanno raggiunto il X e XI grado d’intensità, sono le Alpi Orientali, l’Appennino settentrionale, il promontorio del Gargano, l’Appennino centro meridionale, l’Arco Calabro e la Sicilia Orientale.

Crediti :

INGV

Come si misurano i terremoti?

Come si misurano i terremoti?

Magnitudo e Intensità

La magnitudo (frequentemente misurata attraverso la scala Richter) e l’intensità macrosismica (misurata tramite la scala Mercalli Cancani Sieberg) sono le due misure principali della “forza” di un terremoto. Le due scale non sono equivalenti: la magnitudo è una misura dell’energia sprigionata da un terremoto nel punto in cui esso si è originato (ipocentro). L’intensità è invece una misura degli effetti che il terremoto ha prodotto sull’uomo, sugli edifici presenti nell’area colpita dal sisma, sull’ambiente.
La magnitudo è una misura fisica che dipende soltanto dall’energia sprigionata dal terremoto nel punto in cui si è generato. Grazie allo sviluppo delle tecnologie e alla disponibilità di dati in formato numerico utilizzabili direttamente dai calcolatori elettronici è oggi possibile calcolare la magnitudo di un evento sismico in pochi minuti.
Per fissare il valore preciso d’intensità è invece necessario attendere la raccolta dei dati oggettivi sui danni prodotti dal terremoto. E’ possibile in ogni modo, conoscendo la magnitudo, associare ad essa un’intensità teorica presunta. Tale intensità teorica viene tempestivamente comunicata alla Protezione Civile ed è quella riportata dagli organi di informazione. La tabella seguente mostra la corrispondenza fra la magnitudo e l’intensità teorica.

MAGNITUDO
1.0 – 2.3 
2.4 – 2.7
2.8 – 3.1
3.2 – 3.6
3.7 – 4.1
4.2 – 4.6
4.7 – 5.1
5.2 – 5.5
INTENSITA’
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII 

 

Crediti :

INGV

Esistono diverse scale di magnitudo. Perchè?

Esistono diverse scale di magnitudo. Perchè?

Il concetto di Magnitudo è stato introdotto nel 1935 da Richter per rispondere alla necessità di esprimere in forma quantitativa e non soggettiva la “forza” di un terremoto. La Magnitudo Richter, detta anche Magnitudo Locale  (Ml), si esprime attraverso il logaritmo decimale del rapporto fra l’ampiezza registrata da un particolare strumento, il pendolo torsionale Wood-Anderson, e una ampiezza di riferimento. La Magnitudo Richter può essere calcolata solo per terremoti che avvengono a distanza minore di 600 km dalla stazione che ha registrato l’evento.
Per supplire alla limitazione sulla distanza posta dalla definizione della Magnitudo Richter, sono state introdotte altre scale di Magnitudo che consentono di esprimere l’energia irradiata da un terremoto. La maggior parte delle Magnitudo si basa sull’ampiezza massima del sismogramma registrato o sul rapporto fra l’ampiezza e il periodo delle onde sismiche utilizzate per il calcolo della Magnitudo. Tra queste scale si possono ricordare le Magnitudo di Volume (mb) (b sta per “body waves” ovvero onde di volume) usate per misurare terremoti avvenuti a una distanza superiore ai 600 km e basate sull’uso delle onde di volume (generalmente le onde S). Un’altra magnitudo è quella calcolata sulle onde superficiali: la Magnitudo Superficiale (Ms).
Al fine di calcolare la Magnitudo di terremoti piccoli o moderati a distanza locale o regionale è stata introdotta nel 1972  la Magnitudo di Durata (Md). Il suo calcolo è basato sulla misura della durata del sismogramma. Il concetto di base è quello di ritenere a ragione che maggiore è la Magnitudo di un evento, maggiore sarà la durata della registrazione. Essendo molto semplice e immediato misurare la durata del sismogramma, la Magnitudo di Durata, dal 1980, è entrata nel novero dei parametri che vengono forniti alla Protezione Civile. Gli altri sono la localizzazione dell’evento e la sua intensità teorica.
Si puo dimostrare che la Magnitudo di un evento sismico è strettamente connessa con l’energia irradiata dall’ipocentro.Una relazione lega la magnitudo sviluppata dal terremoto al logaritmo decimale dell’energia. A partire da questa relazione è possibile ricavare che una variazione 1 in Magnitudo equivale a un incremento di energia di circa 30 volte. In altre parole, l’energia sviluppata da un terremoto di Magnitudo 6 è circa 30 volte maggiore di quella prodotta da uno di Magnitudo 5 e circa 1000 volte maggiore di quella prodotta da un terremoto di Magnitudo 4.


Crediti :

INGV

Quanto dura un terremoto?

Quanto dura un terremoto?

La durata della percezione di un terremoto dipende dalla magnitudo dell’evento, dalla distanza dell’epicentro e dalla geologia del suolo sul quale ci si trova. Lo scuotimento in un sito costituito da sedimenti incoerenti può durare tre volte di più che in un sito compatto. Nel caso in cui il sisma sia avvertito all’interno di un edificio, l’altezza dello stabile e la tipologia edilizia influenzano fortemente l’intensità e la durata della percezione dell’evento. In genere i terremoti di bassa intensità sono percepiti per pochi secondi mentre i forti lo sono per meno di un minuto.
Crediti :

INGV

Quanti terremoti si verificano in media nell'arco di un anno nel mondo? E in Italia?

Quanti terremoti si verificano in media nell’arco di un anno nel mondo? E in Italia?

Il terremoto più forte registrato nel mondo è il terremoto di magnitudo 9.5 che ha colpito il Cile il 22 maggio 1960. Nonostante l’elevata magnitudo il numero di morti fu esiguo e gli effetti non furono molto disastrosi. Per trovare il terremoto più distruttivo dobbiamo trasferirci in Cina, a Tangshan, dove un terremoto causo’ 655.000 morti nel 1976. Anche il terremoto che il 26 dicembre 2005 ha colpito l’Indonesia con magnitudo 9 ed ha prodotto il disastroso tsunami, è da annoverare tra i più grandi terremoti registrati al mondo. Tra questi bisogna ricordare anche quello che ha colpito l’Alaska com magnitudo 9.2 il 28 marzo 1964.In Italia, si presuppone che il terremoto (in realtà si tratta di una sequenza di terremoti) che abbia liberato più energia sia quello che 5 dicembre 1456. Questo terremoto interessò una vastissima area dell’Appennino meridionale, comprendente il Sannio, il Matese e l’Irpinia settentrionale causando circa 30.000 morti. Una cifra considerevole, se si pensa che a quei tempi quelle aree erano scarsamente abitate. Probabilmente di dimensioni prossime a quello del 1456 è il terremoto di Messina del 1908  che, con una magnitudo pari a 7.1, produsse un grande tsunami e causò circa 80.000 vittime.

Dalla analisi della sismicità storica è emerso che in media in Italia ogni cento anni si verificano più di cento terremoti di magnitudo compresa tra 5.0 e 6.0 e dai 5 ai 10 terremoti di magnitudo superiore a 6.0. Di seguito sono riportati i terremoti di magnitudo pari o superiore a 6.5 verificatisi nell’ultimo secolo.

I forti terremoti di questo secolo (M>6.5)

8/9/1905 Calabria M=6.8 I=X 557 vittime
28/12/1908 Calabro Messinese M=7.1 I=XI 80.000 vittime
13/1/1915 Avezzano M=6.9 I=XI 33.000 vittime
23/7/1930 Irpinia M=6.7 I=X 1.404 vittime
6/5/1976 Friuli M=6.6 I=X 965 vittime
23/11/1980 Irpinia-Basilicata M=6.8 I=X 3.000 vittime

 

 

Crediti :

INGV

Qual'è il terremoto più forte mai registrato in tutto il mondo? e in Italia?

Qual’è il terremoto più forte mai registrato in tutto il mondo? e in Italia?

A detenere questo primato è il Cile a causa di un terremoto di magnitudo 9.5 verificatosi nel 1960. Nonostante l’elevata magnitudo il numero di morti fu esiguo e gli effetti non furono molto disastrosi. Per trovare il terremoto più distruttivo dobbiamo trasferirci in Cina, a Tangshan, dove un terremoto causo’ 655.000 morti nel 1976.

In Italia, si presuppone che il terremoto che abbia liberato più energia, alla pari di quello di Messina del 1908, sia quello del 5 dicembre 1456. Questo terremoto interessò una vastissima area dell’Appennino meridionale, comprendente il Sannio, il Matese e l’Irpinia settentrionale causando circa 30.000 morti. Una cifra considerevole, se si pensa che a quei tempi quelle aree erano scarsamente abitate. Il terremoto più distruttivo in Italia è stato quello di Messina del 1908. Ebbe una magnitudo pari a 7.1, equivalente a quella del terremoto suddetto, causando però circa 80.000 vittime.

Crediti :

INGV

E' vero che ultimamente il numero di terremoti è in aumento?

E’ vero che ultimamente il numero di terremoti è in aumento?

Sebbene possa sembrare che ultimamente nel mondo si verifichino più terremoti, uno dei principali centri sismologici internazionali, il National Earthquake Information Center (NEIC) del servizio geologico degli Stati Uniti (USGS), fa sapere che il numero di terremoti di magnitudo 7.0 o maggiori è rimasto quasi costante durante tutto questo secolo. Addirittura, i dati sembrano mostrare una lieve diminuzione negli ultimi anni. Allora perchè ci viene continuamente chiesto se ci sia stato un incremento della sismicità mondiale? Una spiegazione può essere quella che con l’aumento di stazioni sismiche si è in grado di registrare più terremoti. Il miglioramento nelle comunicazioni inoltre permette di trasmettere più velocemente i dati. Nel 1931, c’erano all’incirca 350 stazioni. Oggi ben 4000 in tutto il mondo. Va tenuto conto inoltre dell’enorme incremento di mezzi di comunicazione e di informazione. Oggi la popolazione è più informata sui terremoti di quanto lo fosse in passato. In Italia l’espansione della Rete Sismica Nazionale Centralizzata ha consentito nel corso degli anni di migliorare l’accuratezza delle localizzazioni dei terremoti e di aumentare il numero dei terremoti registrati. Nella figura è mostrato il numero di stazioni della RSNC nel corso degli anni.
Crediti :

INGV

I terremoti sono più forti adesso che in passato?

I terremoti sono più forti adesso che in passato?

Anche questa è una nostra impressione. Semmai sono gli effetti di un terremoto ad essere molto più marcati che in passato. Questo perchè, sebbene si siano acquisite tecniche per costruire edifici più saldi e resistenti, con l’aumento della popolazione nelle aree a rischio è aumentato anche il numero degli edifici.
Crediti :

INGV

Può la terra aprirsi nel corso di un terremoto?

Può la terra aprirsi nel corso di un terremoto?

Spaccature superficiali sulla terra possono verificarsi a causa di un terremoto. Le faglie comunque non si aprono durante un terremoto. I movimenti della crosta terrestre avvengono lungo i piani di faglia e non perpendicolarmente a essi. Se le faglie si aprissero non ci sarebbero più frizioni e quindi neanche più terremoti.
Crediti :

INGV

Si possono causare i terremoti? Si possono evitare?

Si possono causare i terremoti? Si possono evitare?

Alcune attività antropiche quale ad esempio lo sfruttamento di giacimenti sotterranei o la realizzazione di imponenti opere ingegneristiche quali la costruzione di dighe possono causare un’attività sismica, in genere poco intensa, indotta dall’uomo. Tra i più forti terremoti ritenuti indotti possiamo ricordare i seguenti:
  • Uno dei casi più distruttivi di sismicità indotta da bacini artificiali in Cina si è verificato nel 1962 ed è noto come terremoto di Xinfengjiang. La Magnitudo stimata fu pari a Ms=6.1.
  • La diga di Konya vicino Poona, in India, quasi collassò quando nel 1967 venne interessata da un terremoto di M=6.5, provocando un numero significativo di morti.
  • Nel 1981 si è verificato un terremoto di M=5.3 localizzato a circa 50 km dalla diga di Assuan che circa sei anni prima raggiunse il suo livello massimo.

Al contrario, le esplosioni nucleari sotterranee non sembrano poter causare terremoti indotti rilevanti. L’energia che viene generata durante l’esplosione si dissipa molto velocemente sulla superficie terrestre. I terremoti non possono essere evitati. Essi sono l’espressione dei processi tettonici che avvengono nel nostro pianeta e che non sono comparabili con la vita dell’uomo né su scala temporale né riguardo alle forze che mettono in gioco. Se non possiamo evitare i terremoti possiamo fare in modo che la nostra vulnerabilità ad essi diminuisca attuando delle misure preventive.

Crediti :

INGV

I terremoti e il clima sono correlati?

I terremoti e il clima sono correlati?

Assolutamente no. I terremoti avvengono all’interno del pianeta. I venti, le precipitazioni e la temperatura riguardano soltanto la superficie terrestre. I terremoti si verificano a prescindere dalle condizioni atmosferiche, in tutte le zone climatiche, in tutte le stagioni dell’anno e a qualsiasi ora della giornata.

 

Crediti :

INGV

I terremoti che avvengono in regioni diverse della nostra penisola sono in qualche modo correlati?

I terremoti che avvengono in regioni diverse della nostra penisola sono in qualche modo correlati?

Può capitare che nella stessa giornata si verifichino due scosse in regioni differenti della nostra penisola. Nel corso del recente terremoto umbro marchigiano si sono avute scosse anche nel Friuli, nelle Dolomiti, in Alto Adige, nel Bellunese e nella Sicilia orientale. Queste scosse però rientrano nella normale attività sismica del nostro paese e probabilmente se non ci fosse stato l’evento umbro a catalizzare l’interesse esse sarebbero passate inosservate. E’ palese che su molte decine di eventi di M>4.0 all’anno, alcuni di essi possono casualmente avvenire lo stesso giorno.
Crediti :

INGV

Si possono prevedere i terremoti?

Si possono prevedere i terremoti?

Cosa vuol dire in questo caso la parola “prevedere”? Si vuole qui intendere anno, mese, ora, luogo e magnitudo di una futura scossa di terremoto? In tal caso, gli americani, ad esempio, userebbero il termine “prediction”. Il termine “forecast”  indica invece una previsione approssimativa che ci dice intervalli di tempo, di spazio e di magnitudo entro i quali si può verificare con maggiore probabilità della media un evento sismico. Val la pena di fare questa premessa perchè possiamo ora rispondere alla domanda. La risposta è no, quando intendiamo previsioni del primo tipo. La risposta non può essere un “no” deciso nel secondo caso. Numerosi sono i precursori sismici, ossia  quelle anomalie di alcuni parametri geofisici, osservate prima di alcuni terremoti.  Un esempio di anomalia  potrebbe essere una quiescenza sismica ovvero l’assenza di terremoti per un determinato periodo di tempo in un’ area considerata sismica. Studi per l’identificazione di precursori sismici sono condotti anche in Italia, grazie alla collaborazione con esperti di altri paesi dove questo tipo di metodologia è già collaudata. Si tratta comunque di previsioni approssimative che non possono essere utilizzate per dare un allarme alla popolazione. Altri esempi di precursori sismici sono la variazione inconsueta della velocità delle onde sismiche, variazioni nel contenuto di gas radon nelle acque di pozzi profondi, mutamenti nel livello delle acque di fiumi e di laghi, movimenti crostali.
Crediti :

INGV

 

TERREMOTI IN TEMPO REALE

Clicca sull’icona della mappa per vedere l’epicentro.

Questa pagina si aggiornerà automaticamente ogni 5 minuti

 





Licenza Creative Commons



Crediti :

INGV

Continua a leggere

Geo News

Riscaldamento globale: 5 immagini per capire cosa sta succedendo alla Terra

Per avere un’idea della portata del fenomeno, ecco alcune impressionanti immagini che la scienza ci offre per capire come il clima sta cambiando e, con esso, la vita sulla Terra.

Pubblicato

il

Le ondate di calore sempre più frequenti e intense che fanno registrare record di caldo in tutto il mondo, come i fumi degli incendi che imperversano in Siberia, sono effetti del riscaldamento globale che impattano duramente sulla nostra salute oltre che su quella del pianeta. Per avere un’idea della portata del fenomeno, ecco alcune impressionanti immagini che la scienza ci offre per capire come il clima sta cambiando e, con esso, la vita sulla Terra.

Ondate di calore sempre più frequenti

Le ondate di calore saranno sempre più frequenti e dovremo, perciò, abituarci. A suggerirlo è uno studio pubblicato su Earth’s Future, secondo cui le terribili ondate di calore come quelle della scorsa estate si potrebbero verificare due anni su tre, se l’aumento della temperatura globale sarà di 1,5 gradi centigradi, e ogni anno se il riscaldamento globale sarà di 2 gradi.

La terribile ondata di calore di luglio

Foto: ESA


“Troppo caldo da sopportare”. È questo il titolo dell’ultima impressionante immagine inviata dal satellite Copernicus Sentinel 3 dell’Esa, che ha fotografato la tremenda ondata di calore che ha investito l’Europa alla fine di luglio. Un evento estremo che lo scorso giovedì, 25 luglio ha fatto registrare in molte città europee picchi di 39-40 gradi centigradi.

Il riscaldamento globale si vede a colori

Foto: Ed Hawkins


Il riscaldamento del pianeta negli ultimi due secoli è tutto in questa immagine che rappresenta con diversi gradienti di colore, dal blu al rosso, l’escalation delle temperature globali annuali dal 1850 al 2018. E’ stata creata da Ed Hawkins dell’Università di Reading, nel Regno Unito, con un innovativo strumento interattivo che permette di ottenere analoghe immagini anche per ciascun continente o paese del mondo. Vedere per credere!

Anche il paramo, un ecosistema unico diffuso soltanto sulla cordigliera delle Ande, è minacciato come tanti ecosistemi montani dal riscaldamento globale. Più fa caldo, più queste aree si ritirano in alta quota, isolandosi le une dalle altre, come mostra questo video realizzato da un team internazionale che ha ricostruito le variazioni dell’ecosistema andino nel tempo utilizzando record di polline fossile. Un metodo innovativo che, secondo gli autori dello studio, può prevedere l’impatto del cambiamento climatico sulle montagne di tutto il mondo.

L’artico si sta sciogliendo

(Foto: Jeffrey Kerby)


Mentre la Siberia brucia, a causa del riscaldamento globale nell’Artico canadese quantità crescenti di permafrost costiero finiscono in mare: un’erosione che a volte supera più di un metro al giorno. A riferirlo è uno studio dell’Università di Edimburgo, che si è servito di un drone per fotografare una sezione di permafrost sull’isola Herschel, situata nel mare di Beaufort. Nella foto, una colata di permafrost si riversa nel mare turchese, tingendolo di grigio.

Crediti :

Galileo

Continua a leggere

Geo News

California, la terra trema ancora: nuovo scossa di terremoto magnitudo 7.1. È la più forte degli ultimi 20 anni

Un’altra scossa di terremoto ha colpito venerdì sera il sud della California dopo quella di giovedì che aveva una intensità di 6.4. Il sisma è stato registrato a 17,6 km da Ridgecrest, la stessa località di giovedì, ad una profondità di soli 900 metri. Nessun danno rilevante alle infrastrutture, nessun morto e nessun ferito grave a Los Angeles

Pubblicato

il

Una nuova scossa di terremoto, di magnitudo 7.1, ha colpito il sud della California dopo quella di giovedì che aveva una intensità di 6.4. Il sisma è stato registrato a 17,6 km da Ridgecrest, nel deserto del Mojave, la stessa località colpita da quello di giovedì. I vigili del fuoco – ne sono stati mobilitati oltre millle – parlano di diversi feriti e incendi. Secondo la portavoce della Contea di Kern, Megan Person, circa duemila persone sono senza luce a Ridgecrest e nelle aree vicine, dove si registrano anche alcuni incendi. Danneggiate anche alcune strade. Si tratta del più forte terremoto registrato nello Stato negli ultimi 20 anni. Secondo l’Istituto geofisico americano (Usgs) è stato avvertito anche in Nevada e Messico.

“Tutta la roba costosa era al sicuro, ma il resto è uscito fuori dagli armadi, dal frigo, dai cassetti, è stato gettato dappertutto. Ora ho parecchio da fare”. È la testimonianza di Jeremiah Jones, uno dei residenti di Ridgecrest, sentito dal Los Angeles Times insieme ad altri abitanti della cittadina della California meridionale. Il sisma “ci ha buttato giù dal letto”, racconta un altro residente, Bill Sturgeon. La sua casa è stata distrutta nel terremoto di giovedì. “Tutte le nostre cose personali sono sparite, quindi – dice – dell’ultima scossa non mi interessa”. A Bakersfield, il capoluogo della contea, per la seconda volta in due giorni anche Edith Mata è stata costretta ad afferrare il figlio di un anno e a correre fuori per vedere la maggior parte dei suoi vicini per strada: “Tutti sono usciti dalle loro case”.

Nessun morto e nessun ferito grave invece a Los Angeles, fanno sapere i Vigili del fuoco. Mentre per quanto riguarda le infrastrutture “non hanno riscontrato nessun danno rilevante. I vigili del fuoco hanno quindi dichiarato conclusa l’emergenza e hanno ripreso le normali operazioni. “Vi chiediamo di considerare il terremoto di stanotte come un promemoria per essere preparati”, si legge ancora nel comunicato.

Numerosi i video pubblicati sui social network dagli abitanti della zona colpita. Particolarmente impressionanti le immagini delle piscine, con onde anomale e l’acqua che all’improvviso straborda





Licenza Creative Commons



Continua a leggere

Chi Siamo

Dicono di noi

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget

I più letti