Contattaci

Pubblicato

il

Una scossa di magnitudo 7.5 è stata registrata in Indonesia, a circa 80 km dalla città di Palu, nell’isola di Sulawesi. Il sisma si è verificato a 10 km di profondità, secondo quanto riferito dall’agenzia geofisica statunitense. Il terremoto ha provocato uno tsunami che ha colpito le città di Palu, la capitale della provincia, e Donggala, come confermato dal portavoce dell’istituto geofisico indonesiano. Secondo i media le onde anomale avrebbero raggiunto i due metri di altezza. Molte case sarebbero state spazzate via e l’agenzia locale per le emergenze ha comunicato che il terremoto ha fatto crollare “molte abitazioni”. Secondo funzionari locali, ci sarebbero almeno cinque morti anche se non è ancora chiaro se questo dato sia riferito allo tsunami o al sisma. Risultano anche diversi dispersi. La tv indonesiana mostra un video girato con il cellulare, condiviso anche sui social, in cui si vede una potente onda che colpisce Palu, con persone che urlano e scappano.

Buio e linee interrotte frenano soccorsi

In Indonesia è notte e il buio e le interruzioni alle reti di telecomunicazione stanno ostacolando i soccorsi e i tentativi delle autorità indonesiane di stilare un bilancio dei danni e delle vittime. Secondo il portavoce dell’agenzia nazionale per la gestione dei disastri, fino a domani mattina i soccorsi saranno limitati: “Tutto il potenziale nazionale verrà dispiegato, e domattina invieremo un aereo da trasporto militare Hercules ed elicotteri per fornire assistenza nelle aree colpite dallo tsunami”. L’aeroporto di Palu è stato chiuso almeno fino a domani.

Altra scossa in mattinata

Alcune ore prima del sisma 7.5, si era verificata un’altra scossa di magnitudo 6.1, sempre nell’isola indonesiana di Sulawesi provocando un sussulto di circa 10 secondi nella città di Donggala. Secondo l’Usgs, istituto statunitense che monitora i terremoti, il sisma si è verificato a una profondità di 18 chilometri con epicentro 30 chilometri a nord di Donggala. Nel tweet sotto, il video dello tsunami, condiviso dal corrispondente dall’Australia della Abc, che lo reputa autentico:

 

Crediti :

Sky TG 24

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

ESTERI

Norimberga, tre donne accoltellate in strada. «Probabile matrice islamica»

a colpire secondo le prime testimonianze sarebbe stato sempre lo stesso uomo, tutte avvenute nel quartiere di St. Johannis.

Pubblicato

il

Norimberga tre donne sono state ferite gravemente con diverse coltellate nella serata di ieri. L’aggressore, secondo fonti della polizia, sarebbe riuscito a fuggire. Due delle tre persone colpite dai fendenti della lama, sono state operate d’urgenza e sono in prognosi riservata. I colpi inferti sono stati profondi e le condizioni restano critiche. Non ci sono ancora indizi per parlare di attentato terroristico, anche se gli investigatori propendono verso questa direzione.

Gli attacchi sono iniziati verso le 19  nel quartiere di  St. Johannis  ad essere stata colpita per prima è stata una 56enne. Dopo qualche ora è toccato ad altre due donne  una 26enne e una 34enne, l’identità delle vittime ancora non è stata resa nota. Ma subito è scattata la caccia all’uomo. Sul posto squadre speciali con l’ausilio di elicotteri.

La polizia ha chiesto ai cittadini di fare attenzione.

Le ricerche sono proseguite per tutta la notte e sono ancora in corso. Una cosa è certa a colpire secondo le prime testimonianze sarebbe stato sempre lo stesso uomo, tutte avvenute nel quartiere di  St. Johannis.





Licenza Creative Commons



Crediti :

il Messaggero

Continua a leggere

ESTERI

Cherif Chekatt, il killer di Strasburgo, è stato ucciso dalla polizia

L’uomo è stato riconosciuto in strada da una donna. Avvicinato dagli agenti ha aperto il fuoco. Aveva con sé una pistola e un coltello. Amaq, l’agenzia di propagnada dell’Isis rivendica: “era un nostro soldato”

Pubblicato

il

Chérif Chekatt, il killer dell’attentato a Strasburgo, è stato ucciso delle forze speciali nel quartiere di Neudorf, a poche centinaia di metri dal luogo in cui era stato visto per l’ultima volta. Chekatt stava camminando per strada quando è stato avvicinato dai poliziotti, avvertiti da una donna che lo aveva riconosciuto, e ha reagito immediatamente sparando. Gli agenti hanno risposto al fuoco e la fuga del 29enne radicalizzatosi in carcere è finita.

Poco dopo che si era diffusa la notizia della morte dell’assalitore, l’agenzia di propaganda dello stato islamico Amaq ha rivendicato l’attentato ai mercatini di Natale a Strasburgo, sostenendo che Cherif Chekatt era un “soldato” dello Stato islamico che “ha portato avanti l’operazione per vendicare i civili uccisi dalla coalizione internazionale”. Chekatt aveva con sé una pistola e un coltello. Due giorni dopo l’attentato era ancora a Neudorf, il luogo in cui si era fatto portare da un tassista e aveva fatto perdere le sue tracce, non lontano dall’area in cui aveva ucciso tre persone e ne aveva ferite altre 13. Una zona che conosceva benissimo, dove forse ha anche goduto di appoggi e dove probabilmente ha cercato di farsi curare la profonda ferita a un braccio provocata dai colpi d’arma da fuoco esplosi dalla polizia dopo l’attacco al mercatino di Natale.

Più di 700 poliziotti erano stati mobilitati per dare la caccia all’uomo che martedì sera aveva terrorizzato Strasburgo, sparando ad altezza uomo sui passanti.

Tre dei feriti sono in condizioni gravi e lottano fra la vita e la morte, come il giovane giornalista italiano Antonio Megalizzi, colpito alla testa. Altri tre sono stati dimessi dall’ospedale in giornata.

Sempre in giornata, un amico stretto di Chekatt, che lo aveva anche ospitato la notte precedente l’attentato, era stato posto in stato di fermo ed è stato interrogato. È il quinto fermato dopo il padre, la madre e due fratelli dell’attentatore. A Parigi, la polizia ha perquisito la casa in cui una delle sorelle abita con il marito, nel centralissimo boulevard Raspail.





Licenza Creative Commons



Crediti :

la Repubblica

Continua a leggere

ESTERI

Caccia a Cherif Chekatt e ai suoi complici: fermata una quinta persona

Mentre è ormai accertata la pista del terrorismo islamico continuano le operazioni di polizia alla ricerca del terrorista che ha fatto perdere le sue tracce

Pubblicato

il

Di lui ancora nessuna traccia: Ma questo pomeriggio sono andati in scena tre operazioni di polizia nel quartiere di Neudorf, a Strasburgo, dove risiede Cherif Chekatt. I bambini sono stati bloccati nella scuola di Schluthfeld, prima di una conclusione infruttuosa. Il raid è durato un’ora e mezza, poi nella zona è ripresa la circolazione delle auto e le misure di sicurezza sono state tolte.
Fermata una quinta persona
Una quinta persona è stata posta in custodia giovedì, ha annunciato il procuratore di Parigi. Erano già stati fermati i genitori e due fratelli. Si tratta di un uomo vicino alla famiglia del terrorista.
Fonti media alsaziani hanno appreso che l’uomo posto in stato di fermo oggi ha 39 anni ed è un amico molto vicino a Cherif Chekatt. Avrebbe ospitato il killer a casa sua, a Lingolsheim, a sud-ovest di Strasburgo, la notte prima dell’attentato.
La polizia fece irruzione, alle prime ore del mattino, a casa di Chekatt, non trovandolo ma sequestrando armi e munizioni.
L’uomo fermato e Chekatt, a quanto si apprende, sarebbero stati per un periodo anche detenuti contemporaneamente nello stesso carcere.
Le motivazioni

L’attentatore di Strasburgo, Cherif Chekatt, avrebbe detto al conducente del taxi utilizzato per fuggire dal luogo dell’attacco di aver “ucciso per vendicare i fratelli morti” in Siria. A darne notizia è il quotidiano Le Parisien, secondo cui Chekatt ha lasciato libero il tassista solo dopo che l’uomo si è professato “musulmano praticante” e “rispettoso della preghiera”.

In casa munizioni e coltelli, ma nessun segnale di affiliazione all’Isis – Sempre secondo Le Parisien, durante la perquisizione in casa sua, i gendarmi hanno trovato dei lacci in plastica (gli inquirenti hanno ipotizzato che potessero servire per rapine in casa), oltre che un’arma di calibro 22, munizioni, coltelli e una granata.
Sul posto, nessuna traccia di affiliazione ad una organizzazione estremistica, come la bandiera nera dell’Isis. Sono stati sequestrati alcuni scritti in arabo, attualmente in corso di analisi, precisa Le Parisien, aggiungendo che il “modus operandi” del killer però non lascia dubbi sulla natura terrorista del suo gesto.
Nell’attacco usato un revolver e un coltello – Gli esami medici e la videosorveglianza mostrano che ha colpito volontariamente le sue vittime alla testa o alla nuca con un revolver di calibro 8 di vecchia fattura. Mentre sarebbero almeno quattro le persone pugnalate.





Licenza Creative Commons



Crediti :

Globalist

Continua a leggere

Chi Siamo

Newsletter

ANSA

  • Ultima Ora
  • Italia
  • Mondo
  • Calcio

Entrata in vigore slitta ancora, al 31 luglio 2019 [...]

Su blog campagna per nuove sottoscrizioni con nuovo sistema [...]

Il ministro a Ciampino in rappresentanza del Governo [...]

Relatori,fino 30% se rottami e compri veicolo elettrico o ibrido [...]

Il premier lo ha ribadito oggi a Dombrovskis e Moscovici [...]

Solo alcune frazioni ancora senza elettricità [...]

Premiati agenti Polstrada Ovada tra primi a intervenire il 14/8 [...]

Accerchiato vigile urbano. Sotto il Senato gridano "buffoni" [...]

È accaduto nell'impianto di stoccaggio rifiuti a Lucera [...]

Fonti, ordine del tribunale, in custodia da maggio [...]

Necessario partenariato fra eguali, equilibrato, responsabile [...]

Downing Street prepara linee guida e battage informativo [...]

Downing Street prepara linee guida e battage informativo [...]

Segnalazioni in aumento. Medium arrestato domenica [...]

Coni Servizi: Comitato rappresentato da 12,4 milioni persone [...]

Giovedì l'appuntamento decisivo per affrontare questo tema [...]

Presidente Aic: "A livello Fifa è tema su cui si sta discutendo" [...]

N.1 arbitri dopo polemiche Torino e Genoa su utilizzo della Var [...]

Fantasista non riesce più a trovare spazio nell'undici titolare [...]

Facebook

I più letti