Contattaci

ESTERI

Trump ironizza sul clima. Ed è bufera

Pubblicato

il

New York – Un’ondata di gelo polare imperversa da giorni su tutta la costa occidentale degli Stati Uniti, da Washington a Boston, con temperature record che toccano i -40 gradi in diverse località degli Stati di New York, Pennsylvania, Massachusetts e New Hampshire.

E con un Capodanno che si annuncia, forse, il più freddo di questi ultimi 100 anni, il presidente #Trump questa volta con garbata ironia non si è fatto sfuggire l’occasione di ridicolizzare ambientalisti e scienziati nel suo tweet mattutino. «Agli States farà bene un po’ di quel buon vecchio riscaldamento globale», ha ironizzato il presidente americano, il quale è da sempre scettico sui cambiamenti climatici causati dall’uomo.

Per Trump, è noto, il riscaldamento globale è una invenzione dei cinesi per azzoppare l’economia americana e a pensarla alla sua maniera è la stragrande maggioranza degli elettori repubblicani e conservatori che lo hanno eletto alla Casa Bianca. The Donald in campagna elettorale aveva promesso che gli Usa avrebbero subito abbandonato dall’Accordo di Parigi sul clima, che tende a ridurre le emissioni di anidride carbonica del 25% entro il 2025.

L’accordo fu firmato il 12 dicembre 2015 da 195 Paesi, incluso la Corea del Nord (uniche eccezioni Siria e Nicaragua), con il presidente Obama a fare da grand commis. Lo scorso giugno, Trump ha mantenuto la promessa elettorale: gli Usa sono usciti dal Trattato di Parigi e ora risparmieranno anche 3 miliardi di dollari l’anno, ossia il mega finanziamento che Obama aveva promesso ogni anno per aiutare i Paesi più poveri a sviluppare fonti energetiche meno inquinanti. The Donald, nel suo spassoso tweet di ieri lanciato dalla sua mega villa Mar-O-Lago in Florida, dove il termometro registra i 23 gradi all’ombra, ha così ridicolizzato i firmatari dell’Accordo di Parigi: «La costa est degli Stati Uniti è investita da un’ondata di gelo e per la vigilia di Capodanno sono attese temperature polari. Potremmo usare un po’ di quel buon vecchio riscaldamento globale da cui il nostro Paese, e non altri, sta pagando migliaia di miliardi di dollari per proteggerci. Copritevi bene!».

Il tweet di Trump, che ha oltre 20 milioni di followers, è stato subito ripreso e attaccato in massa da deputati e senatori democratici. La più ironica è stata la deputata del New Jersey, Kathleen Rice, che ha scritto: «Trump twitta come un bambino che odia l’ora di scienze». Trump, come aveva ripetuto in campagna elettorale, la scorsa settimana con la maggioranza semplice al Senato ha anche ripristinato dopo 38 anni le trivellazioni petrolifere nella Riserva Naturale Artica dell’Alaska.

Intanto continuano le minacce di Trump al governo cinese, reo di rifornire di contrabbando il petrolio alla Corea del Nord, violando le sanzioni Onu. Pechino ieri ha smentito in modo sdegnato, al contrario il sito web del Dipartimento del Tesoro americano ha pubblicato 4 foto scattate dai satelliti-spia Usa, dove si vedono chiaramente che le petroliere cinesi, al largo del Mar Giallo, riforniscono le navi cisterna nordcoreane: in 3 mesi ci sarebbero stati 30 rifornimenti illegali.



Licenza Creative Commons




Crediti :

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Per commentare puoi anche connetterti tramite:



Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ESTERI

Robert De Niro: “Trump pazzo, non gli interessa quanti muoiano”

L’ attore americano si scaglia nuovamente contro Donald Trump, criticando aspramente l’operato del Presidente prima, dopo e durante la pandemia

Pubblicato

il

Robert De Niro non ha mai fatto mistero di non amare troppo Donald Trump, fin dalla sua elezione avvenuta nel 2016. L’attore americano, proprio in queste ultime ore, è tornato ad attaccare il Presidente, definendolo semplicemente un “pazzo” a cui “non interessa quante persone muoiano” per il coronavirus negli Usa. L’accusa è stata lanciata dai microfoni della Bbc e riguarda la situazione dell’epidemia a New York. “Vuole solo essere rieletto”, ha continuato la star di Hollywood, avvertendo gli elettori di Trump che rimarranno delusi se credono che a lui importi qualcosa anche di loro.



Licenza Creative Commons




Continua a leggere

ESTERI

Trump ha accusato l’Oms di essere schierata con la Cina

Il presidente ha accusato l’organizzazione di aver dato raccomandazioni sbagliate per favorire il governo di Pechino. E in conferenza stampa ha anche ipotizzato di interrompere i finanziamenti degli Stati Uniti

Pubblicato

il

In un editoriale pubblicato il 5 aprile sul Wall Street Journal, l’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) veniva accusata di “essersi piegata alla linea dettata da Pechino nel rispondere all’emergenza coronavirus”. Una decisione che, secondo il board direttivo del giornale, si è rivelata inefficace, “ha messo in crisi la risposta globale alla pandemia” e ha mostrato come il principale ente sanitario al mondo risenta dell’influenza della Cina, in virtù del suo potere economico e politico a livello mondiale. Una critica che sembra aver trovato sostenitori importanti anche a livello politico: il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, durante un briefing con i giornalisti alla Casa Bianca, ha infatti definito l’Oms “filocinese”, criticando le prime linee guida fornite dall’organizzazione all’inizio dell’epidemia di Covid-19. E ha promesso anche di sospendere le sovvenzioni americane a favore dell’organizzazione.

 

Le accuse di Trump all’Oms

La polemica del presidente degli Stati Uniti contro l’Oms è iniziata ben prima della conferenza stampa. Qualche ora prima dell’appuntamento con i giornalisti, Trump ha affidato a Twitter i suoi pensieri riguardo l’organizzazione. “Nonostante sia largamente finanziata dagli Stati Uniti” – ha scritto – “continua a essere concentrata solo sulla Cina. […] Perché darci altrimenti delle raccomandazioni così sbagliate?”.

La requisitoria di Trump è legata alle critiche da lui ricevute dopo lo scoppio dell’epidemia, per aver impedito ai cittadini stranieri che erano stati recentemente in Cina di entrare nl paese e di aver istituito la quarantena obbligatoria di due settimane per gli americani di ritorno dalla provincia di Hubei, il primo epicentro del virus. Come ricorda Politico, all’epoca l’Oms si era detta contraria a questo tipo di misure, spiegando che “i divieti di viaggio verso le aree colpite o il rifiuto di ingresso ai passeggeri provenienti da aree colpite di solito non sono efficaci nel prevenire la diffusione del virus, ma possono invece avere un impatto economico e sociale significativo”. In seguito, tuttavia, l’organizzazione aveva rivisto le proprie posizioni affermando che le restrizioni dei viaggi potevano essere utili all’inizio di un epidemia per contenere l’espansione di un focolaio e che, comunque, dovevano avere breve durata.

Bisogna precisare, però, che la decisione del presidente Trump è arrivata a diffusione del virus già in corso, non solo in Cina, e per molti aspetti è sembrata più una mossa economica che sanitaria. Come dimostrato anche dalla convinzione, portata avanti per settimane, che il virus non fosse altro che un “semplice influenza” e che fosse una malattia cinese.

La promessa, poi ritrattata

Gli Stati Uniti sono uno dei maggiori contribuenti dell’Oms a livello mondiale, con un budget di 4,8 miliardi di dollari. Proprio per questo, il tycoon ha promesso che rivedrà i finanziamenti che il governo federale elargisce all’organizzazione. “Sospenderemo le sovvenzioni a favore dell’Oms. E lo faremo in maniera molto consistente” , ha detto Trump all’inizio del briefing alla Casa Bianca. Un annuncio che, davanti alle domande incalzanti dei giornalisti qualche minuto dopo, ha perso un po’ di consistenza. Anzi, è sembrata quasi una ritrattazione“Voglio dire, non sto dicendo che lo farò, ma che vedrò cosa fare. Esaminerò la situazione e poi prenderemo una decisione. Valuterò, insomma”, ha detto rispondendo a chi chiedeva maggiori delucidazioni su quanto detto poco prima. Forse si tratta solo di una minaccia per mettere in guardia l’Oms, ma questo ce lo dirà solo il tempo.



Licenza Creative Commons




Crediti :
Continua a leggere

ESTERI

Chernobyl incendio attorno alla centrale “radioattività fuori scala”.VIDEO

La zona dove sorge la dismessa centrale nucleare di Chernobyl colpita da un vasto e furioso incendio. I valori di radioattività spaventano.

Pubblicato

il

La zona di Chernobyl ha visto il divampare di un incendio, che ha divorato diversi ettari di bosco. Una vasta area che sorge nei dintorni della ex centrale nucleare, teatro il 26 aprile 1986 di quello che è ricordato come il più grande disastro proprio in ambito nucleare nella storia dell’umanità, risulta distrutta dalle fiamme. Ed a così tanti anni di distanza da quella sciagura, i valori delle radiazioni permangono ad un valore elevato. La presenza prolungata in quella regione causerebbe gravi problemi di salute nel breve-medio periodo. Ed infatti è totalmente interdetta al transito dei civili, con l’esercito che regolarmente pattuglia la zona, munendosi delle precauzioni necessarie per non restare contaminato. Del resto la stessa regione di Chernobyl che vide la fuoriuscita di teatro radioattivo è pressoché disabitata.



Licenza Creative Commons




Crediti :
Continua a leggere

Chi Siamo

Vuoi ricevere le notizie?

Dicono di noi

ANSA

  • Ultima Ora
  • Italia
  • Mondo
  • Calcio

Polizia, agente aveva scambiato martello per pistola

In centinaia distesi su Pennsylvania Avenue, 'non respiro'

L'indice Composite sale a 2.931,84 punti

L'indice Hang Seng si attesta a 24.643,84 punti

In Brasile oltre la metà dei malati dell'intera area

Due uomini di origine tedesca, per loro pronto Daspo urbano

Parere positivo Comitato per estensione delle linee guida

Accertamenti alcolemici della polizia hanno dato esito positivo

All'Istituto Manin discussione on line elaborati alunni

Evacuate tutte le persone covid positive

Polizia, agente aveva scambiato martello per pistola

In centinaia distesi su Pennsylvania Avenue, 'non respiro'

In Brasile oltre la metà dei malati dell'intera area

Ma la quarantena sino a fine giugno 'andrà fatta'

80 infezioni per una festa. Prima volta dalla fine del lockdown

Portimonense-Gil Vicente 1-0. Ora in campo Famalicao-Porto

Apre Andrè Silva: Ilsanker a segno appena entrato in campo

Federcalcio tedesca accoglie la richiesta della Fifa

'Black lives matter, continuate a marciare pacificamente'

Ripartenza weekend 21/6, 3 'infrasettimanali'. Ok 5 sostituzioni

Archivio

LunMarMerGioVenSabDom
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930 

I più letti