Contattaci

ESTERI

Trump revoca norma Obama su uso bagni per studenti transgender

Pubblicato

il

A poco più di un mese dall’insediamento alla Casa Bianca, arriva il primo colpo di Donald Trump ai diritti della comunità gay . Il presidente degli Stati Uniti ha infatti revocato una norma siglata Barack Obama che permetteva agli studenti transgender di utilizzare i bagni e gli spogliatoi che preferivano in base all’identità di genere con cui meglio si identificavano. Aspre le critiche dei deputati democratici e delle organizzazioni per i diritti civili, come Human Rights Campaign, associazione che promosse la legalizzazione del matrimonio gay e che definisce ‘vergognosa’ la decisione di Trump.

Il dipartimento di Giustizia e quello dell’Educazione hanno inviato una lettera alle scuola pubbliche del Paese per notificare la decisione del governo, secondo cui la norma varata da Obama creava confusione a livello locale. Nella lettera si legge che “si deve tenere conto del ruolo degli Stati e dei distretti scolastici nella definizione della politica educativa“. In questo senso il procuratore generale Jeff Sessions, tra i più duri conservatori del governo, sostiene in una nota che l’accesso degli studenti transgender ai bagni e agli spogliatoi migliori in base all’identità di genere è un tema su cui devono decidere i distretti scolastici e i governi locali, non il governo federale.

In questo modo, il governo Trump si è messo al fianco degli Stati governati da repubblicani secondo cui Obama aveva oltrepassato il suo potere varando una norma che, benché non avesse la forza di legge, minacciava di bloccare i fondi federali alle scuole che non l’avessero rispettata. Ora le entità locali avranno la possibilità di proclamare la propria legge in merito e determinare se gli studenti transgender possano o meno utilizzare il bagno preferito in base al genere con cui si identificano.

Nella lettera inviata alle scuole i dipartimenti spiegano che il sistema educativo deve garantire a tutti, anche a coloro che appartengono alla comunita Lgbt di “imparare e crescere in un ambiente sicuro“. La decisione di Trump non riguarda quella parte della norma varata da Obama in cui si chiedeva alle scuole di agire per prevenire il bullismo.

Le reazioni

Poco dopo l’annuncio, vari democratici al Congresso, come la leader della minoranza alla Camera Nancy Pelosi e il senatore Dick Durbin, hanno criticato la norma sostenendo che la decisione di Trump non farà altro che aumentare la discriminazione nelle scuole. “Ritirare la storica norma del governo Obama per proteggere gli studenti transgender è un duro colpo ai giovani già vulnerabili di per sé”, commenta Pelosi.

Human Rights Campaign parla di ‘crudele attacco’ che mostra il disprezzo del nuovo presidente per la comunità Lgbt. Nel corso della campagna elettorale, Trump si era smarcato dall’ala più conservatrice del suo partito e aveva dimostrato simpatia nei confronti dell’organizzazione, opponendosi a una legge del North Carolina che, tra le altre cose, obbligava l’utilizzo dei bagni pubblici in base al sesso di nascita di ciascuno.

Apple è stata tra le prime compagnie tecnologiche a condannare apertamente l’ultima decisione del presidente americano Donald Trump. In una nota al sito Recode la compagnia di Cupertino sottolinea di sostenere sforzi verso una ‘maggiore accettazione’.

Apple ritiene che tutti meritino la possibilità di crescere in un ambiente libero da stigma e discriminazione“, si legge nella nota. “Sosteniamo gli sforzi verso una maggiore, non minore, accettazione, e crediamo fortemente che gli studenti transgender debbano essere trattati in modo egualitario. Non siamo d’accordo con nessuno sforzo di limitare o annullare i loro diritti e le loro tutele“.

Gli effetti

Nella pratica, in realtà, la decisione del governo non avrà un grave impatto, perché la misura varata da Obama era stata bloccata lo scorso agosto dal giudice federale del Texas Reed O’Connor su richiesta di 13 Stati. Tuttavia, inciderà sulle dispute ancora da risolvere, tra cui un caso che sarebbe stato valutato dalla Corte suprema a marzo. In particolare, il governo ha comunicato alla Corte suprema di aver ritirato il proprio appoggio a Gavin Grimm, ragazzo transgender della Virginia che aveva denunciato il dipartimento dell’Educazione perché la sua scuola l’ha obbligato a utilizzare i bagni coincidendi con il suo sesso biologico.





Licenza Creative Commons



 

Crediti :

la Repubblica

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

ESTERI

Violenza a Parigi, scontri sugli Champs Elysées dopo la parata militare

Le tv hanno mostrato immagini di manifestanti che erigevano barricate e davano fuoco a cestini della spazzatura, prima di essere dispersi dalla polizia con i lacrimogeni.

Pubblicato

il

Scontri fra polizia e manifestanti dei gilet gialli sono avvenuti a Parigi sugli Champs Elysèes, alcune ore dopo la fine della parata del 14 luglio. L’emittente Bfmtv ha mostrato immagini di manifestanti che erigevano barricate e davano fuoco a cestini della spazzatura, prima di essere dispersi dalla polizia con i lacrimogeni.
La prefettura ha poi reso noto su Twitter di “aver evacuato l’area con la forza” di fronte alle “violenze” sugli Champs Elysées. Secondo Le Figaro, la polizia ha creato un cordone di sicurezza attorno a Fouquet’s, la nota brasserie, che ha riaperto ieri dopo essere stata date alle fiamme e devastata dai gilet gialli in marzo.





Licenza Creative Commons



Crediti :

Globalist

Continua a leggere

ESTERI

Chi è Carola Rackete, il capitano della Sea Watch 3 che ha forzato il blocco navale

La 31enne tedesca è entrata in acque italiane dopo 14 giorni di stallo, infrangendo il divieto imposto dal decreto sicurezza. In un’intervista ha detto che aiutare gli altri è un “obbligo morale”

Pubblicato

il

Carola Rackete (foto: Till M. Egen/Sea-Watch.org.)

Il 26 giugno verrà ricordata come una data in cui è successo un fatto straordinario: una nave di una ong del Mediterraneo, la Sea Watch 3, ha infranto il divieto d’ingresso imposto dal ministro Salvini ed è entrata in acque italiane. La decisione, annunciata su Twitter dalla stessa ong e confermata dai dati Gps sulla navigazione, è stata presa dal capitano della nave Carola Rackete, dopo che la Corte di Strasburgo aveva respinto il ricorso presentato dai 42 migranti a bordo della nave per sbarcare in Italia.

“Sono allo stremo. Li porto in salvo”, ha detto Rackete, aggiungendo di essere consapevole dei rischi cui va incontro: una sanzione che va da un minimo di diecimila a un massimo di cinquantamila euro – non solo per il comandante, ma anche per l’armatore e il proprietario della nave – e il sequestro dell’imbarcazione (due misure introdotte dal decreto sicurezza bis, approvato lo scorso 11 giugno dallo stesso ministro dell’Interno).

La rotta di Sea Watch negli ultimi giorni

Dal salvataggio in mare dei migranti a bordo della nave a oggi sono passati 14 giorni. Da allora, sono sbarcate solo dieci persone per ragioni mediche. Rackete ha raccontato che gli altri sono disperati. “Qualcuno minaccia lo sciopero della fame, altri dicono di volersi buttare in mare o tagliarsi la pelle”.

Chi è Carola Rackete

Trentun anni d’età, nazionalità tedesca, Carola Rackete conosce cinque lingue e ha una laurea in Conservazione ambientale, ottenuta alla Edge University nel Lancashire. Nonostante la giovane età, ha già una lunga esperienza in mare. Non ancora venticinquenne, è stata al timone di una nave rompighiaccio nel Polo Nord nell’ambito di una missione per uno dei maggiori istituti oceanografici tedeschi. Ha poi lavorato come secondo ufficiale di bordo per la Ocean Diamond e per la Arctic Sunrise di Greenpeace, e collaborato con la flotta della British Antarctic Survey, un’organizzazione del Regno Unito impegnata in progetti di ricerca nell’Antartide.

Fa parte di Sea Watch dal 2016. In un’intervista a Repubblica, ha detto a questo proposito: “La mia vita è stata facile, ho potuto frequentare tre università, sono bianca, tedesca, nata in un paese ricco e con il passaporto giusto. Quando me ne sono resa conto ho sentito un obbligo morale di aiutare chi non aveva le mie stesse opportunità”.





Licenza Creative Commons



Crediti :

Wired

Continua a leggere

ESTERI

Liberato Alessandro Sandrini, rapito in Siria nel 2016

Il 33enne bresciano è stato liberato da un gruppo di siriani ribelli chiamati ‘il governo della salvezza’

Pubblicato

il

L’italiano Alessandro Sandrini, rapito in Siria nel 2016 al confine turco-siriano è stato liberato. Lo ha confermato il premier Conte che ha dichiarato: “Il connazionale Alessandro Sandrini è stato liberato al termine di un’articolata attività condotta, in territorio estero, in maniera coordinata e sinergica dall’intelligence italiana, dalla polizia giudiziaria e dall’unità di crisi del Ministero degli Esteri”.

Sandrini è stato liberato da un gruppo ribelle siriano della provincia di Idlib, il ‘Governo siriano di salvezza’, che ha diffuso la notizia sui social. L’operazione è scattata dopo aver saputo che un gruppo criminale attivo in zona e specializzato in rapimenti si nascondeva lungo il confine con un ostaggio.
Sandrini era comparso lo scorso anno in un video in cui compariva inginocchiato con alle spalle due uomini armati e indosso una tuta arancione che ricordava quelle utilizzate dall’Isis. I suoi rapitori, però, non sono parte dello Stato islamico.

Il nome di Alessandro Sandrini è comparso due volte tra gli imputati del tribunale di Brescia: la prima volta per un processo per rapina e ricettazione (aveva tentato di vendere dei tablet rubati e aveva compiuto una rapina nel 2016). Sarà infatti ora ascoltato dai pm di Roma.





Licenza Creative Commons



Crediti :

Globalist

Continua a leggere

Chi Siamo

Newsletter

Dicono di noi

ANSA

  • Ultima Ora
  • Italia
  • Mondo
  • Calcio

Yen si mantiene stabile su dollaro ed euro [...]

Maggioranza M5S si ricompone, Sonia Schellino nuova vicesindaco [...]

Negati i domiciliari, 'rischio di fuga e di inquinamento prove' [...]

'Non sono contento, disapprovo'. Ma ieri non ha mosso un dito [...]

Per corruzione internazionale su presunti fondi russi [...]

A Cecina. Per 40enne avviate procedure di espulsione [...]

Per corruzione internazionale su presunti fondi russi [...]

Rigettato ricorso della difesa, il 24 luglio prevista sentenza [...]

In centinaia alle esequie a Fragagnano, paese natale di Massaro [...]

Cassazione dichiara inammissibile ricorso, tragedia nel Catanese [...]

Capo del partito Progressive Advance ha chiesto aiuto a lobbista [...]

Trump avrebbe scelto l'erede dell'ex giudice della Corte Suprema [...]

Il ministro degli Esteri norvegese chiede prudenza alle parti [...]

Negati i domiciliari, 'rischio di fuga e di inquinamento prove' [...]

'Non sono contento, disapprovo'. Ma ieri non ha mosso un dito [...]

Andata in Italia il 25 luglio, ritorno in Ungheria l'1 agosto [...]

Dopo il 12-0 in amichevole. "Ma ancora ci sarà da lavorare" [...]

Il giocatore rischia di non partire per la tournee in Asia [...]

Tripletta di Antonucci, vanno a segno anche Dzeko e Spinazzola [...]

Su Malinovskyi e Muriel. "Mancini alla Roma? Un buon affare" [...]

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget

I più letti