Contattaci

Medicina

Un punto sulle vicende dell’Ordine dei biologi e i vaccini

Dopo la donazione di 10mila euro all’associazione Corvelva per eseguire imprecisate analisi sulla sicurezza vaccinale, l’ordine del biologi è di nuovo finito al centro dell’attenzione della comunità scientifica

Pubblicato

il

Guai a usare l’appellativo di NoVax, ripetono fino allo sfinimento dall’Ordine nazionale dei biologi (l’Onb). E infatti il lessico è accuratamente generico e indefinito: sicurezza vaccinale”, “approfondimenti doverosi”libertà di scelta” sfiducia nell’industria farmaceutica”, il tutto unito alla necessità di continuare ad “approfondire e ricercare. Tutti princìpi potenzialmente condivisibili, se ci si ferma ai titoli, ma che poi nella pratica si trasformano in iniziative di discutibile valore scientifico ma dalla forte connotazione simbolico-emotiva, senza dubbio aumentate in numero e frequenza da quando è subentrata l’attuale governance dell’Ordine, presieduta dall’ex senatore Vincenzo D’Anna.

La novità degli ultimi giorni è che le gesta dell’Onb sono state riprese anche sulla rivista Nature che ripercorre tutti i più recenti accadimenti, a iniziare dall’ultimo: una donazione da 10mila euro da poco elargita all’associazione Corvelva, il cui acronimo significa Coordinamento veneto per la libertà delle vaccinazioni.

Il caso era già finito sulle cronache nazionali a fine ottobre, scatenando una serie di reazioni tra il perplesso e l’indignato, a cominciare dai docenti di biologia dell’università di Padova. E proprio nella data della pubblicazione dell’articolo su Nature, il 13 dicembre, su Change.org è arrivata un’ulteriore petizione contro D’Anna e “a tutela della corretta informazione scientifica”, che in questo momento ha quasi raggiunto le 5mila firme.

Ciò che Corvelva si propone di fare, secondo le dichiarazionidell’associazione stessa, è portare avanti una “battaglia scientifica” sui vaccini, conducendo “analisi chimiche” e “analisi biologiche” sulle soluzioni iniettabili, con lo scopo di “confutare o confermare” l’attuale stato dell’arte della ricerca mondiale in immunologia e dei relativi prodotti farmaceutici oggi a disposizione. Un obiettivo un po’ ambizioso – soprattutto perché si parla di un budget complessivo a disposizione di circa 50mila euro – messo nero su bianco e che fa parte della mission stessa di Corvelva.

Il metodo scientifico fai-da-te
Il modello di scienza che sembrano proporre Corvelva e – quindi – l’Ordine dei biologi pare una strana miscela di componenti rivoluzionarie e conservatrici. Anzitutto c’è la parte distruttiva, a cominciare dall’idea che le riviste scientifiche siano in qualche modo assoggettate al potere delle case farmaceutiche, e che dunque anche tutti gli studi relativi ai vaccini siano pilotati o abbiano esiti stabiliti a priori. Ciò porterebbe, anzitutto, ad azzerare tutta la letteratura scientifica sui vaccini, ritenuta intrinsecamente inaffidabile.

La seconda fase è quella del sospetto, che si potrebbe ricondurre al concetto di ipotesi da verificare proprio del metodo scientifico, ma che di fatto consiste nell’insinuare il dubbio. Allora i vaccini potrebbero avere effetti collaterali a lungo termine che nessuno si è mai occupato di monitorare, le soluzioni da iniettare potrebbero contenere nanoparticelle tossiche capaci di determinare danni neurologici o disabilità, in generale l’immunizzazione tramite vaccinazione potrebbe non essere abbastanza sicura, le vaccinazioni di massa potrebbero essere inutili e non necessarieai fini dell’effetto gregge, soprattutto in un momento storico in cui parrebbero non esserci epidemie o emergenze sanitarie di cui occuparsi con urgenza.

Una volta messa abbastanza carne al fuoco da schierarsi contro l’obbligo vaccinale (con argomentazioni che, se proprio non antivacciniste, sono perlomeno assonanti con la propaganda FreeVax), c’è poi la fase ricostruttiva, quella dei nuovi studi scientifici capaci di stabilire la verità. Studi coordinati da associazioni e non da enti pubblici, affidati (per quanto si può sapere a oggi) a strutture private lontane dalle università o dai grandi centri di ricerca farmaceutica, pubblicati poi sul riviste scientifiche con peer review oppure sul più modesto giornale dell’Ordine dei biologi.

Insomma, una ricerca così indipendente da essere di fatto al di fuori di tutti i canali internazionali di ricerca, così ispirata alla caccia della verità da ribaltare potenzialmente gran parte delle conoscenze scientifiche maturate in decenni di studi, e così semplice da essere condotta con poche decine di migliaia di euro e gestita da un’associazione di genitori che poco ha a che fare con la comunità scientifica. Peccato che, per ora, ai grandi annunci non abbiano mai fatto seguito risultati scientifici rilevanti, al di là delle strane idee alla Montanari-Gatti sulle particelle inquinanti. Non è noto se siano questi, o altri simili, gli studi “precedentemente finanziati, e non ancora pubblicati, che indicano la presenza di impurità e la mancanza di ingredienti attivi nei vaccini”, di cui Corvelva ha dichiarato di essere in possesso.

A oggi è stato pubblicato un solo articolo, sulla rivista online F1000research, che racconta il metodo di analisi adottato per i test di laboratorio. La peculiarità della rivista è che prevede la peer review solo dopo la pubblicazione, e a opera di revisori invitati dagli autori stessi. Curiosamente, l’unica revisione svolta finora ha bocciato l’articolo.

Figuracce internazionali
Uno dei motivi che, per quanto si può immaginare, hanno condotto Nature a occuparsi del caso è lo spostamento del dibattito sui vaccini dal piano politico a quello scientifico. Mentre la questione dell’obbligo e delle sue modalità applicative possono restare argomento di discussione, a livello mondiale i dubbi riguardo all’efficacia e alla sicurezza dei vaccini sono ormai da tempo superati, o ridotti ad aspetti molto particolari e di dettaglio. Nella comunità scientifica, insomma, non esiste più una questione vaccini, né avrebbe senso ricominciare tutto daccapo.

Dopo Xylella nel 2015 e la sperimentazione animale, il nostro Paese è di nuovo finito agli onori delle cronache internazionali per il proliferare di atteggiamenti anti-scientifici, questa volta con l’aggravante di vedere schierato in prima linea un ordine nazionale scientifico, non finanziato ma comunque sotto il diretto controllo del Ministero della salute. Se da una parte è lodevole che la comunità scientifica italiana si sia sollevata in protesta contro le ultime iniziative dell’ordine, dall’altra c’è chi – come il virologo Roberto Burioni – si chiede come si possa essere giunti fino a questo punto.





Licenza Creative Commons



Crediti :

Wired

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Medicina

Un gadget impiantabile che rilascia antibiotici per prevenire le infezioni

Un involucro biodegradabile può abbassare il rischio di infezioni post operatorie del 40%. Ecco com’è fatto in questo video

Pubblicato

il

Gli interventi chirurgici al cuore, come per esempio l’impianto di un pacemaker, o di un defibrillatore, portano con sé un certo rischio per lo sviluppo di infezioni. Un team di ricercatori della Cleveland Clinic ha per questo messo a punto un piccolo device per il rilascio locale di antibioticiche, dopo i primi test, ha dimostrato di poter abbassare il rischio d’infezione del 40%.

Si tratta di fatto di una busta, in materiale biocompatibile, all’interno della quale vengono inseriti, a seconda del caso, il defibrillatore o il pacemaker, e che rilascia gradualmente e per un tempo prolungato dosi giornaliere di antibiotico. A missione compiuta, dopo qualche settimana l’involucro si riassorbe completamente in modo autonomo, non lasciando alcuna traccia: non necessita perciò di rimozione. Di seguito un’animazione per vedere da vicino l’intero processo.

(Credit video: Cleveland Clinic)





Licenza Creative Commons



Crediti :

Wired

Continua a leggere

Medicina

L’allarme dei chirurghi: “siamo troppo pochi, con quota 100 diventeremo dei panda”

Vi è un salto di due generazioni e i pochi giovani che scelgono come specializzazione “chirurgia” spesso non rimangono in Italia. Il 55% degli specialisti ha tra i 50 e i 59 anni e in tutto il Paese sono 7500

Pubblicato

il

A lanciare l’allarme ci pensa Pierluigi Marini, professore di chirurgia mini-invasiva alla Sapienza di Roma, direttore dell’Uoc di chirurgia al San Camillo e presidente dell’Acoi, associazione dei chirurghi ospedalieri, che, in un’intervista al Mattino, annuncia che ci sarà il deserto nelle sale operatorie.

Il 55% degli specialisti si trova in una fascia di età fra i 50 e i 59 anni. Sa quanti sono i chirurghi in attività oggi in Italia? Sono 7.500 e già viviamo una serie di criticità negli ospedali. Ora di questi circa 1.700 stanno per lasciare perché a fine carriera e altri 1500 potrebbero optare per l’uscita con la finestra di quota 100. C’è un salto di due generazioni: è semplicemente drammatico“.
Diventano conclamate una serie di criticità che si osservavano da tempo, spiega Marini: blocco del turnover, riduzione dell’attività ambulatoriale, taglio dei posti letto.

Sui motivi per cui mancano i chirurghi, il professore spiega:”Su una platea media di 17 mila neolaureati solo 90, dico 90, scelgono come prima opzione la specializzazione in chirurgia. Non è solo questione di fatica. Oggi un giovane medico è preoccupato per i rischi professionali legati a eventuali azioni giudiziarie per colpa medica. Poi ci sono le difficoltà di accesso alla professione e il problema della formazione“.

Il presidente dell’Acoi assiste con “rabbia” a questo declino, quando “noi in Italia abbiamo inventato la grande tradizione chirurgica europea“.
Oltre a questo l’Italia “non è attrattiva” per i giovani “perché il sistema non premia il merito, perché gli stipendi sono bassi e perché il chirurgo opera con la spada di Damocle“.





Licenza Creative Commons



Crediti :

Globalist

Continua a leggere

Medicina

Vaccini, da oggi senza certificato non si entra a nidi e materne

Termina la proroga per chi ha presentato l’autocertificazione. Ma in tutta Italia ci dovrebbero essere solo pochi casi

Pubblicato

il

Ce ne sono 120 che rischiano di essere esclusi a Cesena, altri 300 in bilico in Friuli Venezia Giulia, oltre a una serie di gruppetti che potrebbero smettere di frequentare nidi e materne sparsi in altre città italiane. Oggi è l’ultimo giorno disponibile per documentare l’avvenuta vaccinazione dei figli da parte dei genitori che nel settembre dell’anno scorso li avevano iscritti grazie a una autocertificazione.

La ministra alla Salute Giulia Grillo non ha concesso la nuova proroga per decreto che le aveva chiesto il ministro dell’Interno Matteo Salvini e così chi non è in regola e ha tra 0 e 6 anni rischia di essere allontanato da scuola. Il decreto legge Lorenzin dell’estate 2017 prevederebbe anche la multa per chi frequenta la scuola dell’obbligo e quindi ha tra 7 e 16 anni, ma per ora questa sanzione non è praticamente mai stata applicata.

L’odiata norma (dalla maggioranza) resta comunque in vigore e Grillo ne ha definitivamente preso atto. Ora si cerca di fare prima possibile la nuova legge, alla quale sta lavorando il Parlamento e che dovrebbe essere pronta tra poco, anche prima dell’estate. Si tratta del testo in base al quale entrerebbe in vigore l'”obbligo flessibile”, che cioè scatta se ci sono epidemie o coperture troppo basse.

A rischiare l’esclusione da nidi e materne non sarebbero comunque tanti bambini. Intanto molti no-vax avevano già deciso di tenere a casa i figli, e poi le Regioni in questi mesi hanno affinato i sistemi di controllo. Ce ne sono alcune, come la Toscana e il Lazio ad esempio, dove è attiva un’anagrafe vaccinale informatizzata, che permette di conoscere in tempo reale la situazione di ogni alunno. Le verifiche sull’autocertificazione di settembre in certi casi sono quindi state fatte molto velocemente e se qualcuno eventualmente si è messo in regola dopo, il sistema ha già inserito l’avvenuta vaccinazione. Così non c’è bisogno che i genitori portino i documenti alle scuole. Anche le Regioni senza anagrafe informatica, comunque, in questi mesi hanno fatto controlli.

La maggiore organizzazione del sistema va di pari passo con un aumento delle coperture, soprattutto tra i più piccoli. I dati definitivi su tutto il Paese arriveranno presto, ma intanto quelli di cinque grandi Regioni, dove risiedono circa la metà degli italiani, parlano dell’immunità di gregge al 95% raggiunta o in certi casi nettamente superata.

Si riduce quindi il numero dei no-vax e di coloro che, anche per ragioni diverse alla diffidenza verso questo tipo di prevenzione sanitaria, non hanno vaccinato i figli. I presidi, che già avevano chiesto di non prorogare il termine per la presentazione dei documenti, hanno ribadito che da oggi chi non è in regola non potrà entrare. “Applicheremo semplicemente la legge”, hanno spiegato dall’Associazione nazionale di categoria.

Oggi nelle varie scuole capiranno quanti sono stati i no-vax che hanno sfruttato la possibilità di autocertificare anche nel settembre scorso per iscrivere i figli e iniziare comunque l’anno, contando magari su una nuova proroga. Che poi non è arrivata perché la ministra Cinquestelle ha deciso di andare avanti, per ora, con il decreto Lorenzin.





Licenza Creative Commons



Crediti :

La Repubblica

Continua a leggere

Chi Siamo

Dicono di noi

5 star review  BdS

thumb Marco Dimitri
10/14/2013

Newsletter

Facebook

E’ davvero un medico?

I più letti