Connect with us

Published

on

La diocesi di Brooklyn ha identificato otto preti molestatori. Tra questi c’è anche un ex sacerdote, Jaime Lara, che, dopo aver lasciato la tonaca 25 anni fa, si è costruito un’illustre carriera come professore di studi medievali e rinascimentali.

Lo ha reso noto oggi la diocesi sul suo sito online. Lara fu ridotto allo stato laicale per molestie sui #bambini . La decisione della diocesi di rendere pubblici i nomi risponde alle pressioni degli attivisti per i diritti delle vittime. Lo scandalo della #pedofilia del clero americano esplose nel 2002, quando il Boston Globe puntò i riflettori sull’insabbiamento operato dalla diocesi di Boston sotto l’allora arcivescovo, Cardinale Bernard Law, vicenda su cui si basa anche il film “Il caso Spotlight“.

Gli otto preti identificati sono una piccola frazione del clero di Brooklyn e Queens, implicato in 233 denunce presentatae alla speciale commissione diocesana che si occupa dei risarcimenti alle vittime pronte a lasciare cadere ulteriori azioni legali.

       
     

DATABASE PRETI PEDOFILI | DATABASE SITI FAKE | CHI SIAMO | ISCRIZIONI | DONAZIONI

 

Licenza Creative Commons

 

 

Crediti :

il Messaggero

Detective presso Computer Crime Research Center. Investigazioni Roma. Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Seminario Analisi del Crimine Violento Università di Roma

Continue Reading
Click to comment

Lascia una recensione

Scrivi un commento

Per commentare puoi anche connetterti tramite:




avatar
  Iscriviti  
Notificami

CRIMINI VATICANI SUI MINORI

Diego, abusato a 13 anni da un prete: “Diceva che il mio seme gli curava lo stomaco”

Published

on

Diego Esposito ha 40 anni e da dieci aspetta che venga celebrato il processo per gli abusi subiti quando era solo un ragazzino da don Silverio Mura, il suo insegnante di religione. Oggi ha perso il lavoro, una pesante terapia farmacologica che cura i segni degli abusi lo abbatte metà del giorno sul letto della sua stanza. Spesso si sente disilluso e solo, eppure, sostenuto dal suo avvocato Carlo Grezio e dalla criminologa Luisa D’Aniello, non ha mai smesso di chiedere verità e giustizia alla Chiesa. “Lo faccio per le altre vittime – dice in una lunga intervista – non deve vincere il massaggio che chi denuncia è condannato a passare il resto della vita isolato e inascoltato, questa storia deve andare in modo diverso”.

L’ora di religione

L’orrore, racconta Diego, inizia quando il suono della campanella scolastica annuncia l’ora di religione. Ha il volto di un professore trentenne, sacerdote in una chiesa della periferia est di Napoli, quella di Ponticelli dove negli anni ’80 l’abito talare è riverito e temuto. Quella di Diego, 13 anni, è la classica famiglia di condizioni modeste e molto devota, che trascorre le sue vacanze in pellegrinaggio e considera un privilegio avere un rapporto di amicizia con un sacerdote. Così, quando don Silverio Mura invita Diego a casa lui è felice e onorato. È il 1988.

La stanza del prete

Ero al terzo della scuola media (oggi chiamata a giudizio per quei fatti, ndr) – comincia – don Silverio mi portò nella sua stanza, chiuse la porta e vi sistemò davanti una poltrona pesante, così che se qualcuno avesse provato a entrare, essendo sprovvista di chiave, sarebbe rimasto bloccato. Si sdraiò sul lettino, io ero sulla poltrona. “Vieni a sederti qui vicino a me”, mi disse. Iniziò a toccarmi. Io ero a disagio, rigido, impietrito, non capivo cosa stesse succedendo, ma restai letteralmente sconvolto quando mi baciò in bocca. Lui capì che ero sotto choc e per calmarmi mi disse: “Stai tranquillo, lo faccio perché ti voglio bene”.

Le manipolazioni

Diego racconta questi particolari davanti alla moglie , che lo accompagna fedelmente in questo cammino di profondo dolore e grande frustrazione da quasi dieci anni. La voce non trema, anzi, riprende il racconto con lucida precisione, come se i fatti fossero avvenuti ieri. “Gli abusi iniziarono così – dice – a pochi metri dall’anziana madre del parroco, e andarono avanti per tre lunghi anni. Io subivo passivo, piegato su quella poltrona, rigido come un sasso. A volte pretendeva di avere con me rapporti orali, diceva che il mio seme gli curava il mal di stomaco, che ne aveva bisogno”.

Don Silverio

Trovava sempre una giustificazione per ogni sua richiesta – continua Diego – era un un uomo molto manipolatorio, ricordo che mi regalò perfino una moto (che mi indusse a guidare senza patente), per placare la mia angoscia . Ho sempre pensato che avesse due facce: una affabile e socievole, l’altra spietata e calcolatrice, perfino avida, ricordo come maledicesse i fedeli quando le offerte non erano sostanziose”. All’epoca, però, credevo a tutto quello che mi diceva e non ho mai dubitato, neanche di fronte all’evidenza, che quelle cose avvenissero solo con me”.

Le altre vittime

“Ricordo che un giorno andai trovarlo a casa, ma sua madre al citofono mi disse che suo figlio non c’era. Non mi convinse, notai che la finestra della stanza aveva la tapparella tirata giù. Lui la chiudeva completamente solo quando faceva le sue ‘sporche cose’ con me. Decisi di aspettarlo davanti alla sua casa, ero sicuro che la madre mentiva, che lo stava coprendo. Dopo circa tre ore il prete uscì con un bambino, era più piccolo di me. Scoppiai in lacrime andandogli incontro, lui spinse da parte il piccolo e mi disse che era un equivoco, che avevo capito male. E io gli credetti. Solo da adulto, dopo tanti anni, sono riuscito a realizzare che quella era un’altra vittima. Oggi lo so, ho conosciuto altre vittime che sono parte del procedimento civile, ne ho la certezza”.

La presa di coscienza

Dopo tre anni Diego va per la sua strada interrompe i rapporti con il prete trova un lavoro, si sposa e va a vivere fuori Napoli. Finalmente una vita normale: un impiego di responsabilità pieno di gratificazioni, apprezzato da superiori e colleghi. Dieci anni dopo, il trasferimento in Campania con la moglie e i figli, il ritorno, a pochi chilometri dal prete e nel 2010, a quarant’anni, un episodio sconvolgente: la mente torna a fare i conti con quel passato terribile. Un violentissimo attacco di panico lo porta in ospedale. Sentendosi a un passo dalla morte, Diego confessa alla moglie e alla madre gli abusi subiti da bambino. E per la prima volta, la confusione e la vergogna lasciano il posto alla consapevolezza dell’abuso.

La denuncia

È lo psichiatra con il quale affronta questo doloroso tema a indirizzarlo verso la denuncia. “L’ho ritenuto utile per le strategie terapeutiche, oltre che un mio obbligo di cittadino e cattolico”, dirà il dottor A. R.. Diego affronta il percorso di denuncia per due volte, una dai carabinieri locali (il reato è ormai prescritto) e l’altra presso la Curia, dove gli assicurano che la sua storia verrà seguita. “Aspettavo che dalla Chiesa mi dessero una risposta o semplicemente che mi ascoltassero – riprende Diego – ma nulla di tutto questo è mai successo. Il ‘Don’ ha continuato ad essere un prete e un insegnante e io, a stare sempre più male”.

Papa Francesco

Scrissi a papa Francesco ottenendo che mi chiedessero nuovamente di sporgere denuncia. Nel 2014 padre Luigi Ortagli, delegato da Papa Bergoglio a occuparsi del caso, raccolse la mia seconda denuncia. Intanto i giornali avevano ripreso il mio caso e quando chiesi conto di dove si trovasse il prete mi venne risposto che si trovava in una struttura per quel ‘tipo di casi’. Ad oggi non so dove sia, solo solo che non è più un insegnante.

La risposta della Chiesa

La mia frustrazione ha continuato a salire tanto da chiedere udienza al Cardinale Sepe. Nel 2016, circa un anno fa, un comunicato stampa firmato da padre Ortagli smentiva le mie accuse di insabbiamento contro il cardinale Sepe, menzionando il mio vero nome 8 volte, violazione per la quale oggi è in corso un procedimento penale”.

L’epilogo

Da dopo la denuncia la mia vita è segnata, seguo una terapia farmacologica molto pesante per i disturbi che mi sono derivati dal trauma, mi sento ignorato da chi dovrebbe darmi risposte, ho minacciato il suicidio come estremo atto di protesta e per tutta risposta mi è stato revocato il porto d’armi senza il quale non potevo più fare la guardia giurata, ed eccomi disoccupato. Perché lo faccio? Io voglio un processo ecclesiastico. Voglio la verità. La mia storia sia d’esempio.

 

IL CASO DON SILVERIO MURA

 

       
     

DATABASE PRETI PEDOFILI | DATABASE SITI FAKE | CHI SIAMO | ISCRIZIONI | DONAZIONI

 

Licenza Creative Commons

 

 

Crediti :

Fanpage

Continue Reading

CRIMINI VATICANI SUI MINORI

Pedofilia: una lettera mette nei guai il Papa

Published

on

Città del Vaticano – Quando si dice che il diavolo fa le pentole ma non i coperchi. Spunta ora una lettera che di fatto smentisce Papa Francesco sul caso della #pedofilia cilena e sulle coperture dei vescovi. La lettera in questione, anticipata dalla Ap,  fu messa nelle mani del cardinale Sean O’Malley, presidente della Commissione per la Tutela dei Minori, e da questi consegnata al Papa. Porta la firma di una delle vittime e spiegava al Papa, fatti alla mano, che il vescovo Barros era un insabbiatore, un ‘encubridor’, di fatto un complice di padre Karadima (un prete pedofilo) e che per questo doveva essere dimesso.

Fino alla scorsa settimana Papa Bergoglio ha continuato a difendere Barros, dicendo che occorrevano delle prove, senza però fare mai menzione alla lettera che gli era stata consegnata da O’Malley. Solo la scorsa settimana Francesco ha fatto retromarcia annunciando di volere andare in fondo con le indagini e mandando in Cile un suo emissario credibile per raccogliere prove contro Barros.

La notizia della lettera apre nuovi interrogativi sulla gestione degli abusi e su come il vaticano tende ad affrontare la questione dei vescovi insabbiatori. «Il cardinale O’Malley ci disse che aveva consegnato la lettera al Papa. Ecco perché ero tanto sconvolta quando ho visto che il Papa diceva con insistenza che non aveva prove contro Barros» ha commentato Marie Collins, ex membro della Commissione pontificia per la Tutela dei Minori, dimessasi l’anno scorso dall’incarico per protesta proprio per denunciare le frizioni esistenti all’interno della curia. «Santo Padre, le scrivo perchè sono stanco di lottare, di piangere e di soffrire».

La lettera scritta da Juan Cruz è in spagnolo. «La nostra storia è ben conosciuta e non c’è bisogno di ripeterla, anche se vorrei dirle delk’orrore che abbiamo vissuto. Un orrore che mi ha ucciso dentro». La vittima poi esponeva sommariamente i fatti, le famose ‘evidenze’ che il Papa chiedeva alle vittime per essere credute, in questo caso il fatto che il vescovo Barros fosse presente nella stessa stanza mentre era in corso un abuso.

E dire che Papa Francesco nel 2015 aveva stabilito il reato canonico di ‘abuso d’ufficio episcopale’ per i pastori che non davano seguito ai casi di denuncia di violenze sui minori, prevedendo l’istituzione di una apposita sezione giudiziaria per i vescovi in seno alla Congregazione per la Dottrina della fede che però non ha mai preso il volo. Ad un tratto, l’orientamento operativo è stato come depotenziato.

Per questo motivo, poco dopo, si sono dimessi dalla Commissione per la Tutela dei Minori due membri (due ex vittime) per denunciare il muro di gomma curiale. E dire che la decisione del #Papa era stata persino ratificata dal Consiglio dei nove cardinali, il cosiddetto C9. La decisione del tribunale dei vescovi era stato salutata dall’allora portavoce vaticano, padre Lombardi, con toni enfatici, sostenendo che era coerente con la linea della accountability’, della assunzione di responsabilità, dei vescovi.

Il Papa aveva anche previsto  «un periodo di cinque anni in vista di ulteriori sviluppi delle presenti proposte e per il completamento di una valutazione formale della loro efficacia». Da allora la faccenda è caduta nel dimenticatoio. Salvo di essere ripescata davanti al caso Barros e alla questione, stavolta tutta italiana, del prete abusatore di Ponticelli, a Napoli. Anche in questo caso la Congregazione della Dottrina della Fede ha provveduto ad archiviare un caso emblematico in base alla documentazione ricevuta dalla curia di Napoli. Peccato che successivamente alla archiviazione vaticana sia spuntata una seconda vittima, un altro ex ragazzino finito nelle fauci dello stesso prete di Ponticelli, gettando una luce inquietante sui sistemi previsti per punire i preti pedofili.

 

       
     

DATABASE PRETI PEDOFILI | DATABASE SITI FAKE | CHI SIAMO | ISCRIZIONI | DONAZIONI

 

Licenza Creative Commons

 

 

 

Crediti :

il Gazzettino

Continue Reading

CRIMINI VATICANI SUI MINORI

Prete pedofilo ucciso da un ragazzino

Published

on

Ucciso dal compagno diciottenne che non avrebbe sopportato di essere lasciato. È stato assassinato venerdì, nella città di Medellín, in Colombia, Dino Cinel, 76 anni, ex #prete vicentino, originario di Rossano Veneto, espulso dalla Chiesa Cattolica per uno scandalo di pornografia infantile omosessuale. Nel 2010 visse anche a Cittadella, in una casa dentro le mura, aprendo una lunga querelle con l’ex sindaco Massimo Bitonci che gli aveva negato la residenza. Una morte violenta, la sua.

È stato infatti colpito da un grosso coltello da cucina. Ad avvisare le forze dell’ordine è stato proprio il diciottenne, Santiago Alberto Morales Parra, che ha chiamato disperato i militari e che ha confessato l’omicidio.

Secondo la stampa colombiana, all’arrivo della polizia coordinata dal comandante Oscar Gomez Heredia, Cinel – che da cinque anni viveva a Medellin – era ancora legato al letto, trafitto dalla lama che gli era stata conficcata nel petto, sulla parte sinistra dell’addome. Il ragazzo, responsabile del delitto, avrebbe tentato di uccidersi, lanciandosi dal sesto piano dell’edificio, ma è stato salvato dai pompieri.

L’omicidio sarebbe stato l’epilogo di una violenta lite, iniziata per motivi sentimentali: a quanto pare l’anziano voleva porre fine al rapporto ed il giovanissimo non voleva saperne. Ha perso il controllo e si è scagliato in un misto di furore e rabbia contro la vittima.

Dai primi rilievi è emerso che né la Procura né la Polizia avevano informazioni sulla presenza di Cinel nella capitale di Antioquia, dai documenti risultava risiedere a Cittadella. L’ambasciata italiana ha quindi avvisato i carabinieri di Rosà e Cittadella, per avvisare i familiari. Sono tutte da chiarire le modalità di un eventuale rimpatrio della salma.

La notizia dell’omicidio è rimbalzata dai notiziari colombiani all’Italia, facendo riemergere la complessa storia della vittima. Cinel ha lavorato per anni come insegnante in America.

Negli Stati Uniti vinse un premio importante per il suo libro “Dall’Italia a San Francisco”. Venne travolto dalla scandalo nel 1988 quando un’indagine scoprì un’imponente mole di materiale pedopornografico nella chiesa di Santa Rita a New Orleans alla quale era assegnato. In seguito a quella vicenda fu allontanato dal clero. La storia rimase per qualche tempo nascosta.

Nel frattempo si trasferì a insegnare storia all’Università di Tulane, in Louisiana. Un posto prestigioso poi abbandonato per un altro trasloco a New York, nel College di Staten Island.

Nella Grande Mela si sposò con una docente scozzese, Linda Pollock, madre della sua unica figlia. Ma nel 1991 venne a galla lo scandalo sessuale divulgato dalla stampa Usa.

Don Dino Cinel, infatti, era stato costretto a lasciare la vita clericale in seguito al ritrovamento da parte di un collega nella sua abitazione di materiale pedopornografico, fotografie e riviste con bambini, oltre a 160 ore di videocassette pornografiche (anche scaricabili da Internet) in cui il sacerdote era impegnato in pratiche sessuali. Nessuna inchiesta penale fu aperta perché in Lousiana solo successivamente al ’91 è stata introdotta una normativa che punisce quel reato.

       
     

DATABASE PRETI PEDOFILI | DATABASE SITI FAKE | CHI SIAMO | ISCRIZIONI | DONAZIONI

 

Licenza Creative Commons

 

 

Continue Reading

Title

Fisica2 giorni ago

La trama di un episodio di Star Trek pubblicata per errore su una rivista scientifica

Cosa ci succederebbe se viaggiassimo a curvatura 10? Il nostro corpo forse prenderebbe le sembianze di una sorta di uomo lucertola,...

Fisica3 settimane ago

Tlick, l’unità di tempo appena inventata da Facebook

Si chiama flick, parola coniata mettendo insieme frame (nel senso di fotogramma) e tick (ticchettio). Ed è una nuova unità di misura per il tempo appena inventata dagli scienziati di Facebook (in...

Fisica1 mese ago

Terremoti, nessun legame con le fasi lunari

Tra sismologi se ne sente parlare spesso: guardando ai database che registrano i grandi terremoti del passato le scosse non sembrano del...

Fisica2 mesi ago

Ecco gli eccitoni, una nuova forma della materia

L’avevano previsto già 50 anni fa ma nessuno lo aveva ancora trovato. Ora però, grazie a una tecnica innovativa, un team...

Fisica3 mesi ago

Metano dall’anidride carbonica usando l’energia solare

L’anidride carbonica si può convertire in metano puro al 99 per cento usando l’energia solare. Lo hanno dimostrato Hyunjoon Song...

Fisica4 mesi ago

Che cosa sta succedendo alla Cop23, il vertice sul cambiamento climatico

Dalla mattina di lunedì 6 novembre le delegazioni dei 196 governi del mondo sono riunite a Bonn per la 23ma Conferenza delle parti (Cop23)...

Fisica4 mesi ago

Earth Microbiome Project, la mappatura del microbioma di tutto il pianeta

Si chiama Earth Microbiome Project, ed è una preziosissima banca dati del microbioma di tutto il nostro pianeta. Il progetto, nato dalla collaborazione di...

Fisica4 mesi ago

CRISPR in punta di matita, corregge DNA e RNA senza tagliare

Non chiamatelo taglia-incolla. Il sistema CRISPR si è evoluto, e per correggere le mutazioni ora non ha più bisogno di...

Fisica5 mesi ago

Nobel per la fisica agli scienziati di Ligo, per la scoperta delle onde gravitazionali

Dopo il Nobel per la medicina a Jeffrey C. Hall, Michael Rosbash e Michael W Young per le scoperte sui meccanismi molecolari...

Fisica6 mesi ago

Incontri sulla medicina: come sfidare i big data

L’intervista è stata realizzata durante il Festival della Scienza Medica che si è tenuto a Bologna dal 20 al 23...

Fisica6 mesi ago

L’occhio delle onde gravitazionali vede per la prima volta i buchi neri

Trovandosi per la prima volta di fronte a un buco nero, sono tante le domande che uno scienziato vorrebbe fargli....

Fisica7 mesi ago

Indizi sul mistero dei quasar trasformisti

Alcuni degli oggetti più luminosi dell’universo, i quasar , stanno svanendo rapidamente. Gli astronomi pensano ora di essere riusciti a...

Database Preti Pedofili

Commenti più votati

  • 9 February 2018 by Giovanni Darko

2

Tesla nello Spazio, smontiamo le obiezioni dei terrapiattisti

Sul serio c’è gente che pensa che la terra sia ...
  • 17 February 2018 by Simona Masini

2

I nanorobot sono in grado di distruggere ogni tipo di tumore

Trovi qualcosa qua : https://www.bambinidisatana.com/arrivo-la-pillola-inverte-linvecchiamento/
  • 14 February 2018 by Bambini di Satana

2

Pedofilia: una lettera mette nei guai il Papa

A giornalate in faccia come in Cile
  • 8 February 2018 by Giuseppe Maccaferri

2

Pedofilia: una lettera mette nei guai il Papa

IL PRETE PEDOFILO è UN CRIMINALE , IL PRETE GAY ...
  • 7 February 2018 by Graziella Di Gasparro

Trending